I gatti sono fra i più diffusi e amati animali domestici. Eppure, nonostante sembrino dormicchiare per gran parte della giornata, questi esemplari felini sono particolarmente attivi. Si tratti di un gioco, di una piccola battuta di caccia domestica o dell’esplorazione di un angolo nascosto nei pressi di un mobile, per il micio è fondamentale il movimento, per mantenersi in forma e sempre in salute. Queste necessità feline, tuttavia, non sempre vanno d’accordo con i desideri degli abitanti della casa, in particolare degli appassionati di arredamento: i graffi sui mobili, infatti, potrebbero essere particolarmente frequenti. Come fare, allora, per mantenere il proprio amico felino in perfetta forma e soddisfatto della sua quotidianità, senza minacciare credenze, divani, poltrone e quant’altro? E, ancora, come assicurarsi che il quadrupede svolga l’adeguato movimento quotidiano, anche quando ci si deve allontanare da casa per molte ore al giorno?

In ogni casa felina che si rispetti, non può di certo mancare un set di comodi strumenti utili per l’allenamento dell’amico a quattro zampe. Dai più svariati tiragraffi, passando anche per le palestre e speciali giochi per gatti, trasformare l’abitazione a misura di miagolio sarà un’operazione decisamente semplice e soddisfacente. Di seguito, qualche consiglio utile.

Perché il gatto graffia i mobili?

Gatto e divano

Sono molti i modi in cui il gatto esplora, e domina, l’ambiente che lo circonda. Oltre alla vista e all’olfatto, un senso fondamentale è rappresentato dal tatto: non capiterà di rado ai proprietari, infatti, di notare l’esemplare di casa intento a strusciarsi lungo mobili e pareti o, ancora più di frequente, a saggiare la consistenza di una coperta o di una superficie morbida con le unghie.

Proprio le unghie sono fondamentali per l’esistenza del gatto: oltre a irrinunciabile arma di caccia e di difesa, sono lo strumento che l’animale sceglie per prendere familiarità con i luoghi da lui frequentati. Così come accade per l’uomo, anche le unghie feline hanno bisogno di cure di tanto in tanto, sia per assicurarne sempre un aspetto affilato, che per controllarne la lunghezza in eccesso. Quando è all’aperto, il felino esplica questa operazione di manutenzione graffiando tronchi d’albero e altre pareti in legno, un fatto che permette all’animale anche di scaricare lo stress, con un immediato rilascio di endorfine. Quando invece abituato alla vita domestica, il simpatico quadrupede non farà altro che scegliere superfici a lui gradite, si tratti di un antico mobile oppure di un pregiato divano. Fortunatamente, prevenire ed evitare comportamenti fastidiosi e risultati nefasti è del tutto facile.

Tiragraffi per gatti: usi e consigli per la scelta

Gatto e tiragraffi

Nella casa del perfetto amante dei felini, il tiragraffi è uno strumento che non può mai mancare. Si tratta di uno prodotto che, date le caratteristiche costruttive, attira le curiosità del gatto e permette di preservare i mobili: di ogni forma e varietà, è solitamente ricoperto da una corda in sisal, o in altro materiale apposito, che risulta decisamente piacevole al tatto dell’animale. Una volta posizionato in casa il tiragraffi, la mobilia sarà praticamente in salvo: il micio, attirato dalle sensazioni piacevoli dello strumento, perderà interesse per gli altri arredi presenti.

La scelta del giusto tiragraffi, tuttavia, non può essere casuale. Sono molti, infatti, i fattori che entrano in gioco: l’età del gatto, la sua stazza, la posizione in cui lo si vorrà adagiare all’interno dell’appartamento e molto altro ancora. Fortunatamente, in commercio non solo esistono le più svariate possibilità, ma anche portali specializzati per ogni esigenza, quali ad esempio ZooItaly.

Per i cuccioli e gli esemplari sotto ai 7-8 mesi d’età, la prima preoccupazione è quella di non esagerare con le altezze poiché il gatto, soprattutto nella fase di gioco, potrebbe sottovalutarne i pericoli. I tiragraffi a tappeto sono allora la soluzione ideale, poiché rimangono a livello del pavimento: possono essere dei semplici tappetini in corda sisal o in spugna, spesso dotati anche di palline e richiami a molla, ma anche prodotti più complessi con piccole protuberanze in legno garantire all’animale di soddisfare il suo spirito da esploratore. Fra i tanti, spicca di certo il design e la cura costruttiva del marchio Trixie, una certezza in termini di affidabilità e attenzione agli amici a quattro zampe. Dal tappetino a forma d’impronta, alla creativa tavoletta, vi è l’imbarazzo della scelta. Se gli spazi della casa fossero ridotti, si può anche pensare a una soluzione d’appendere sulle pareti, partendo dal livello del pavimento: originalissima quella a forma di gatto, sempre da Trixie.

Per un gatto adulto, invece, è utile ragionare in altezza. Questo per due ragioni principali: quando usa il tiragraffi, detto anche gratta-unghie, il gatto tende a sollevarsi, rimanendo in equilibrio sulle due zampe posteriori. Inoltre, la possibilità di controllare l’ambiente da una posizione privilegiata permetterà all’animale di dominare i suoi spazi, di ridurre l’ansia e di dimenticare eventuali problematiche comportamentali legate alla territorialità. I tiragraffi verticali possono essere a semplice colonna, come la versione Trixie a tronchetto, oppure dotati di ripiani e casette per garantire all’amico miagolante, oltre che a una perfetta manutenzione delle unghie, anche momenti di relax e riposo. Splendidi, ma soprattutto utili, le proposte a più colonne, con ripiani progressivi.

Non solo unghie e salvaguardia dei mobili, però, ma anche degli spazi per incentivare la forma fisica e il benessere: ecco perché, oltre al gratta-unghie, sarà necessario anche dotarsi di una palestra o di un gioco per gatto idoneo.

Movimento e salute: la palestra per gatti

Palestra per gatti

Come ricordato in apertura, i felini sono degli animali particolarmente attivi, sebbene di giorno non disdegnino sonnecchiare per lunghe ore. Questo perché i gatti, anche quelli domestici, tendono a muoversi molto durante la notte, poiché in natura questo è il momento ideale per la caccia. Negli spazi domestici, però, non sempre il micio ha a disposizione gli ambienti idonei a un adeguato movimento fisico, un fatto che potrebbe minacciarne non solo la salute, ma anche alimentare problemi comportamentali, stress, ansia e territorialità. Inoltre, l’assenza di luoghi sufficientemente interessanti da esplorare potrebbe portare il gatto a disturbare il riposo notturno degli abitanti della casa, poiché in costante ricerca delle attenzioni del proprietario.

La soluzione ideale, sia per la serenità dell’amico a quattro zampe che del suo compagno umano, è quella non solo di fornire adeguati giochi per gatti – dalle classiche palline ai morbidi topolini – ma anche e soprattutto una fornitissima palestra. Di cosa si tratta? La palestra felina non è altro che uno strumento, spesso dotato di colonne tiragraffi come quelle descritte poc’anzi, ricco di proposte per l’attività fisica del gatto. Ripiani, brevi passaggi sospesi, morbidi tunnel da esplorare, casette, corde, molle e palline: un vero e proprio paradiso della curiosità felina. Anche in questo caso, il marchio Trixie propone le soluzioni più curate del mercato, sia in termini di resistenza che di design: funzionali e con piccole tane, come la versione Maqueda, ma anche ricche di percorsi e tunnel, quali il modello Madrid.

Pubbliredazionale

20 giugno 2016
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento