Stanno ottenendo un grande successo sui social network, grazie alle loro forme paffute e ai movimenti goffi, eppure per un gruppo di tigri cinesi la vita è tutt’altro che semplice. Colpa non solo della loro obesità, un problema che ne limita l’indole da provette cacciatrici, ma anche della poca sensibilità dei turisti alla loro condizione. È proprio a causa dei visitatori nello zoo in cui sono ospitate, pronti questi a gettar loro cibo di continuo, che questi felini risultano in preoccupante sovrappeso.

Il tutto accade presso il Siberian Tiger Park, una sorta di riserva nei pressi della città di Harbin, in Cina. Il parco ospita un gran numero di felini, oltre 400 tra tigri siberiane e del bengala, ma anche linci, leoni, leopardi e pantere. L’amministrazione della struttura, capace di gestire decine di migliaia di visitatori ogni anno, permette ai turisti la possibilità di alimentare gli animali presenti, una scelta poco compatibile con le naturali condizioni di vita dei quadrupedi. Ricevendo cibo e ghiottonerie di continuo, infatti, gli esemplari non solo riducono movimento e istinto di caccia, ma accumulano immotivatamente peso.

=> Scopri la crescita di tigri in India


La World Animal Protection, un’organizzazione internazionale impegnata nella tutela e nella salvaguardia degli animali selvatici, ha spiegato come la strategia adottata dal parco sia del tutto immotivata, nonché incomprensibile. Per quanto in una situazione di limitata cattività, in un parco capace di riprodurne gli habitat ma comunque chiuso, bisognerebbe cercare di preservare il più possibile le necessità naturali degli animali, seguendone l’indole innata. Dal parco, tuttavia, lo staff rigetta le accuse, sostenendo le tigri siano ingrassate in modo più evidente a causa dell’accumulo di grasso dovuto ai mesi invernali. Gli esperti di tutto il mondo, tuttavia, escludono questa ipotesi, poiché né in natura né in cattività sembrano essersi mai verificati casi di tigri così sovrappeso, nemmeno durante la più rigida delle stagioni.

15 febbraio 2017
Lascia un commento