Cosa non fa l’amore, verrebbe da dire. Una tigre del Bengala ha fatto irruzione allo zoo di Nandankanan, in India, attratta dalle femmine in cattività. Il grande felino vi è rimasto per un mese intero, per poi demordere constatata l’indisponibilità delle compagne di concedersi a lunghi rituali di accoppiamento.

>>Scopri la protezione delle tigri in India

Il tutto è accaduto nel mese di maggio, quando gli addetti dello zoo indiano si sono ritrovati una tigre selvatica gironzolare attorno alle gabbie dei felini ospitati nella struttura. Anziché cercare di catturare l’animale o di cacciarlo dall’area, i veterinari hanno deciso di approfittare dell’occasione per tentare un accoppiamento. Hanno aperto quindi le gabbie, il maschio selvaggio vi si è fiondato senza indugi e lì vi è rimasto per un mese intero. L’esemplare non è mai parso turbato dalla presenza dell’uomo: ha accettato il cibo e gli interventi di routine dello staff senza manifestare alcuna insofferenza.

Dopo quattro settimane, però, il suo spirito libero ha preso il sopravvento e ne è nata un’incredibile evasione. Il tutto senza che l’animale abbia soddisfatto i suoi istinti amorosi, considerato come le altre tigri fossero del tutto disinteressate a un avvicinamento intimo. Così il felino si è arrampicato con forza sulle mura di protezione dell’area tigri – un’impresa davvero titanica – e ha lasciato lo zoo per ricongiungersi con la tanto amata giungla. Così ha spiegato J.D. Sharma, un responsabile del centro:

La tigre ha apparentemente scalato le mura del recinto, approfittando delle barre metalliche angolari a 2 e 4 metri d’altezza di supporto della struttura. Abbiamo prove della sua presenza sull’estremità superiore del muro.

>>Scopri perché il Viagra salverà le tigri

Dalla fuga la tigre non è stata più avvistata, nemmeno nei branchi delle foreste limitrofe. Chissà se nel frattempo avrà soddisfatto i suoi istinti di procreazione. E chissà che allo zoo non vi torni durante la prossima stagione degli amori, per verificare se le compagne chiuse in cattività abbiano cambiato idea sul suo conto.

10 giugno 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento