Domani 2 dicembre esce in 51 sale italiane il film “This change everything“, docufilm tratto dall’ultimo libro di Naomi Klein, dal titolo “Una rivoluzione ci salverà. Perché il capitalismo non è sostenibile”. Prodotto tra gli altri, anche da Alfonso Cuarón, il film arriva nel nostro Paese grazie a Camera Distribuzioni Internazionali.

Il libro della Klein, famosa giornalista, scrittrice e attivista canadese, ha avuto un enorme successo e ora diventa film, non con il fine di terrorizzare chi lo vede, come molti film che hanno trattato il problema dei cambiamenti climatici, ma con quello di far capire che ciò che serve è una rivoluzione dell’intero sistema economico mondiale attuale.

Anzi, la crisi economica che abbiamo vissuto e quella ambientale che ci apprestiamo ad affrontare con la COP21 di Parigi possono essere proprio l’occasione per trasformare quello che ha dimostrato di essere un sistema fallito in qualcosa di radicalmente diverso: sostenibile e in grado di garantire un futuro di sicurezza per tutti secondo principi che permettano di tutelare l’ambiente in cui viviamo.

Il regista Avi Lewis lo ha girato nel corso di quattro anni, in 9 Paesi e 5 continenti diversi. Il film racconta sette storie di comunità in prima linea nella lotta al surriscaldamento del pianeta: dal Canada alla Cina, dalla Grecia all’India e oltre. Ecco alcune delle storie alle quali è possibile assistere durante il film:

  • Crystal – Una giovane leader indigena nel Paese delle sabbie bituminose, dalle quali si estraggono “preziosi” idrocarburi, combatte e cerca risposte riguardo ad un disastro ambientale che si sta svolgendo sotto i suoi occhi.
  • Mike e Alexis – Una coppia che alleva capre nel Montana e si ritrova a fare i conti con la rottura di una conduttura che trasporta petrolio nei pressi del Powder River Basin. Organizzano così un’azione contro l’estrazione di combustibili fossili nel loro amato bacino e creano una nuova alleanza con la tribù dei Cheyenne del Nord per portare l’energia solare alla vicina riserva.
  • Melachrini – Una casalinga nel nord della Grecia, dove la crisi economica viene utilizzata per giustificare progetti minerari e di perforazione che minacciano le montagne, i mari, e l’economia del turismo. Sullo sfondo della Grecia in crisi un potente movimento sociale è in crescita.
  • Jyothi – Una matriarca dell’Andhra Pradesh, in India, lotta ferocemente con i suoi compaesani, combattendo contro il progetto di una nuova centrale elettrica a carbone che distruggerà una preziosa zona umida ricca di biodiversità. Nel corso di questa lotta comincia a formarsi un movimento nazionale.

1 dicembre 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento