Think Blue Beetle: un Maggiolino fatto con materiali riciclati

La mitica Volkswagen Maggiolino, quella ispirata al modello originale della casa tedesca, rivive nella riproduzione a grandezza naturale realizzata dallo scultore Haribaabu Naatesan, che ha voluto rendere omaggio a quello che è diventato uno dei simboli della storia dell’automobile utilizzando esclusivamente materiali riciclati.

L’opera in questione è stata composta all’interno della Think Blue Campaign di Volkswagen ed è nata usando con sapiente maestria ben 2.805 pezzi di scarto, suddivisi tra 800 candele d’accensione, 200 tappi di bottiglia, 60 schede madri per computer e una sterminata varietà di altri prodotti di riciclo tra cui cassette audio, penne e parti di macchine di scrivere.

I rifiuti che compongono la Think Blue Beetle (questo il nome dell’opera) sono stati raccolti grazie al progetto Blue Clean Up attivato in diverse città e hanno sprigionato la fantasia di Naatesn portando alla realizzazione di un oggetto di un certo valore artistico ed ecologico, realizzato peraltro in appena 16 giorni di lavoro, come mostrato nel video che la squadra ha diffuso sul Web.

Il Maggiolino “riciclato” conferma ancora una volta che molti oggetti apparentemente inutili possono rivelarsi piacevolmente riutilizzabili e intende porre l’accento proprio sulla cultura del riciclo da sempre sottovalutata nei paesi occidentali.

La Think Blue Beetle è attualmente in mostra presso il Kala Ghoda Arts Festival a Mumbai, dove rimarrà fino al 12 febbraio.

10 febbraio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento