Il nuovo crossover elettrico di Tesla doveva essere svelato ufficialmente il 9 febbraio in occasione di un evento organizzato presso la sede dello studio di design della casa americana e così è stato. Puntuale come un orologio svizzero, Tesla ha tolto i veli alla Model X, primo veicolo a baricentro alto del costruttore da sempre impegnato nella realizzazione di modelli elettrici ad alte prestazioni.

La Tesla Model X nasce sulla stessa piattaforma della Tesla Model S e promette un piacere di guida paragonabile a vetture di fascia alta alimentate con carburanti tradizionali. La trazione integrale contribuisce a rendere efficace la spinta su ogni tipo di terreno, mentre lo scatto da 0 a 100 km in circa 4 secondi lascia capire le potenzialità della vettura per quanto riguarda le prestazioni pure.

Per quanto concerne l’aspetto che più interessa chi acquista un’auto elettrica, cioè quello legato all’autonomia, la Model X paga qualcosa nei confronti della sorella Model S per via del maggior peso, con una percorrenza di circa il 10% inferiore a quest’ultima e di conseguenza ipotizzabile in circa 150 chilometri.

Tesla offre però tre diversi pacchi batteria per migliorare le percorrenze, tanto che il cliente può scegliere se prenotare la vettura facendo installare una batteria da 40, 60 o 85 kWh.

La Tesla Model X potrà essere prenotata a partire da oggi, mentre il listino dovrebbe partire da una cifra di circa 50.000 dollari, ma potrebbe facilmente salire fino a 90.000 dollari in funzione del pacco batteria montato e degli optional scelti.

10 febbraio 2012
I vostri commenti
wallie, venerdì 20 febbraio 2015 alle10:26 ha scritto: rispondi »

Caro sig. Musk: Ok ci sai fare. Ora inizia a costruire macchine elettriche accessibili anche alle famiglie medie.

Cosimo, lunedì 13 febbraio 2012 alle10:43 ha scritto: rispondi »

certo per i virtuosi ricconi c'è una possibilità di non inquinare ma per le persone "normali" guarda caso non c'è nulla di concreto (intendo alla portata delle tasche normali.

Lascia un commento