Decisione epocale nel settore delle auto elettriche. Tesla Motors ha infatti deciso di liberare i suoi supercaricatori dai brevetti. L’annuncio è stato dato dal fondatore e CEO della compagnia californiana Elon Musk, nel corso della conferenza stampa di presentazione della Tesla Model S nel Regno Unito.

La società guidata da Elon Musk ha messo a punto un sistema di ricarica veloce per le auto elettriche accessibile gratuitamente a tutti i possessori di una Tesla. Le colonnine di ricarica sono in grado di erogare 120 kW di corrente continua tramite appositi cavi. Il tempo di ricarica totale è di 40 minuti, per ricaricare la vettura solo per metà della sua capacità ne bastano 20, il tempo di una breve pausa per gli automobilisti. La Model S da 85 kWh impiega un’ora a ricaricarsi e con un pieno è capace di percorrere fino a 426 chilometri. Finora nessuna tecnologia di ricarica è riuscita a fare di meglio in così poco tempo.

Tesla ha maturato la decisione di rendere accessibile a tutti la tecnologia alla base del suo sistema Supercharger per favorire la diffusione di standard comuni di ricarica per le auto elettriche. Questo significa che i protocolli impiegati dalla compagnia per realizzare i suoi supercaricatori diverranno open source. Qualsiasi altra compagnia coinvolta nel settore delle auto elettriche potrà accedervi, utilizzarli e cercare di migliorarli.

Con questa mossa Tesla spera di favorire una maggiore e rapida diffusione dei veicoli elettrici. Uno dei principali deterrenti all’acquisto di un’auto a zero emissioni è infatti rappresentato dalla mancanza di infrastrutture di ricarica ampiamente disponibili sul territorio e con standard comuni per i modelli delle varie compagnie. Elon Musk, CEO di Tesla, ha dichiarato che chiunque voglia sfruttare la sua tecnologia dovrà però rendere la ricarica gratuita, proprio come avviene oggi per i suoi modelli. Inoltre gli altri produttori dovranno contribuire allo sviluppo della rete di infrastrutture di ricarica della Tesla. Resta da vedere se le altre compagnie automobilistiche accetteranno di buon grado le condizioni di Musk.

12 giugno 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento