Tesla dotata di Autopilot tampona camion vigili del fuoco negli USA

Una Tesla Model S dotata di Autopilot si è schiantata contro un camion dei vigili del fuoco. L’incidente è accaduto nello Utah, mentre il camion dei pompieri si trovava fermo ad un semaforo. Sul caso è stata aperta un’inchiesta, perché sembra che la Tesla non abbia frenato prima che avvenisse l’impatto.

Secondo le indagini della Polizia è ancora da verificare se nell’automobile fosse inserita la modalità di guida semi-autonoma. Al volante della Tesla c’era un uomo che non avrebbe assunto alcol o droghe. L’uomo ha riportato una frattura alla caviglia, mentre il vigile del fuoco al volante del camion è rimasto illeso.

=> Scopri Tesla Roadster, l’auto elettrica più veloce al mondo

Non è la prima volta che accade un incidente del genere e coinvolge la Tesla. Qualche mese fa una Model X con pilota semi-automatico è stata coinvolta in un incidente mortale in California. Il camion dei vigili del fuoco era fermo nella corsia di emergenza e aveva i lampeggianti accesi. Eppure l’automobile non è stata in grado di frenare o di evitarlo. Già l’azienda aveva raccomandato precedentemente a chi guida un’auto con l’autopilota di tenere sempre comunque lo sguardo vigile sulla strada, proprio per evitare incidenti di questo genere.

=> Leggi di più sul futuro truck elettrico Tesla da 480 km di autonomia

Riguardo al recente incidente, alcune voci diffuse via Twitter affermano che il guidatore al momento dello schianto avesse l’Autopilot inserito. Anche nel manuale di utilizzo della Model S viene riportata l’attenzione sull’uso dell’Autopilot, anche se spesso i messaggi che provengono dall’azienda insistono sulla tranquillità che può assicurare la guida attraverso il pilota automatico.

È chiaro che i nuovi modelli di guida possono proporsi come rivoluzionari in tema di mobilità, ma bisogna sempre stare attenti a non sottovalutare le capacità umane, che sono le uniche a poter rendere la sicurezza.

Le nuove tecnologie ci danno una mano molto importante, ma i sistemi di assistenza alla guida presenti sul mercato potrebbero essere considerati soltanto un punto d’inizio molto probabilmente non esente da rischi.

14 maggio 2018
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento