Dopo la paura causata dal terremoto arrivano le prime notizie per quanto riguarda incentivi e deroghe per chi è stato danneggiato dal sisma. Il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio ha firmato un’ordinanza (n.388) nella quale vengono destinati fino a 600 euro per ciascuna famiglia colpita dal sisma e, tra le altre iniziative, anche la sospensione dei mutui per gli immobili interessati.

Gli effetti della prima ordinanza post terremoto firmata dal capo dipartimento della Protezione Civile prevede che a beneficiare per primi del bonus economico, reso possibile grazie ai 50 milioni di euro già stanziati dal Governo, siano coloro che hanno visto la loro casa crollare o venire dichiarata inagibile.

Ciascun membro della famiglia potrà richiedere 200 euro di bonus, fino a un tetto di 600 euro per nucleo familiare. Tale soglia potrà essere tuttavia superata qualora vi sia tra i richiedenti un over 65, un portatore di handicap o un disabile, che avranno singolarmente diritto a una contributo aggiuntivo di 200 euro.

Qualora il richiedente sia l’unico componente del nucleo familiare il contributo di 200 euro verrà elevato a 300. Per tutti vi sarà come detto la sospensione dei mutui fino all’avvenuta ricostruzione/ristrutturazione degli edifici colpiti dal sisma: gli enti preposti avranno tempo 30 giorni per interrompere le richieste di pagamento.

Vengono infine concesse agli amministratori locali e ai prefetti dei Comuni interessati dal terremoto speciali deroghe per quanto riguarda la normativa sugli appalti.

29 agosto 2016
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento