Terremoto in Molise: scossa 4.7 avvertita anche in Campania

In Molise un terremoto con una scossa di magnitudo 4.7. L’intera Regione è stata colpita dal sisma, il cui epicentro è stato registrato a circa 6 chilometri da Montecilfone. La profondità dell’epicentro corrisponde a 19 chilometri.

In particolare il terremoto ha avuto luogo nella zona di Acquaviva Collecroce, che si trova a Nord Ovest di Campobasso. Dopo qualche minuto dalla prima scossa, poco dopo mezzanotte, si è verificata una seconda scossa di terremoto di magnitudo 2.3.

=> Scopri cosa fare in caso di terremoto

La seconda scossa ha avuto il suo epicentro a 5 chilometri a Sud Est di Palata. Non risultano danni. Soltanto alcuni di lieve entità riscontrati in corrispondenza dell’epicentro del sisma.

Si tratta soltanto di danni lievi che hanno interessato alcuni cornicioni, come ha specificato il sindaco di Montecilfone, Franco Pallotta. La località del Molise è stata coinvolta anche in un blackout che ha interessato metà della zona.

Il terremoto in Molise ha destato una certa paura. Gli stessi abitanti del luogo hanno dichiarato che negli ultimi anni si erano verificate altre scosse. Tuttavia mai ce n’era stata una così forte.

=> Leggi la differenza fra terremoto ondulatorio e sussultorio

A Palata molta gente ha preferito trascorrere la notte in auto. Anche a San Giacomo degli Schiavoni molti abitanti hanno preferito passare la nottata in strada. La scossa di terremoto che ha interessato il Molise è stata avvertita su tutta la costa adriatica e anche in Campania.

A Napoli e in diversi Comuni della Provincia hanno sentito la terra tremare. I vigili del fuoco hanno ricevuto delle segnalazioni soprattutto da persone che abitano ai piani alti.

Anche sui social network diverse persone hanno lasciato la loro testimonianza, affermando di aver sentito in maniera evidente la scossa di terremoto.

Le varie testimonianze hanno raccontato di un boato che è stato udito prima del verificarsi del sisma vero e proprio. La Regione Molise ha confermato che non ci sono stati grossi danni, ma i responsabili regionali hanno deciso in ogni caso di controllare la diga del Liscione. Permane la massima allerta, come ha spiegato il presidente della Regione Donato Toma.

15 agosto 2018
Immagini:
Lascia un commento