GOES-16 è il nome di un satellite meteorologico, frutto della collaborazione siglata tra NASA (National Aeronautics and Space Administration) e NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), in orbita dal 19 novembre scorso con l’obiettivo di monitorare con attenzione quanto accade sulla Terra e nello spazio circostante: dai flare solari agli uragani. Il lancio è avvenuto dalla base Air Force Station di Cape Canaveral, in Florida.

Si tratta di un’apparecchiatura d’avanguardia, messa al servizio della comunità scientifica. A bordo sono presenti fotocamere con sensori altamente tecnologici.

=> Guarda le prime immagini dallo spazio di Sentinel 2A

La qualità delle immagini prodotte è apprezzabile dalle prime fotografie inviate sulla Terra nei giorni scorsi (più precisamente a partire da domenica 15 gennaio), alcune delle quali visibili in questo articolo. Per il momento le aree immortalate sono quelle del Nord America, del Sud America e degli oceani che bagnano il continente, ma più avanti arriveranno anche quelle del resto del pianeta.

Quelli che potrebbero sembrare “render” accuratamente riprodotti da un artista in computer grafica sono in realtà scatti al 100% autentici, che mostrano il nostro mondo (e in alcuni casi anche la Luna) con una definizione senza precedenti.

=> Scopri le immagini di Google Street View scattate a Machu Picchu

L’impatto visivo è forte, ma secondo gli ingegneri di NOAA l’obiettivo primo del satellite è quello di permettere la formulazione di previsioni meteo più precise, nonché anticipare in modo accurato l’arrivo di eventi climatici potenzialmente pericolosi, diramando per tempo un’allerta nelle zone interessate.

La tecnologia a bordo di GOES-16 (in orbita a circa 36.000 Km di altezza) tornerà utile anche per monitorare l’evoluzione di eventi straordinari come incendi ed eruzioni vulcaniche.

Le immagini qui visibili sono ottenute mediante l’impiego del sistema Advanced Baseline Imager, che sfruttando un totale pari a 16 diversi canali spettrali ottiene scatti ad altissima definizione, in cui si può scorgere la profondità dei rilievi terrestri e quella degli specchi d’acqua. Ne viene inviata una ogni 15 minuti.

24 gennaio 2017
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento