Termovalvole: possibile conteggio anche a termosifoni spenti

Nelle ultime settimane le termovalvole sono state spesso nel mirino dei media per via dei ritardi nelle installazioni da parte di diversi condomini, e delle possibili sanzioni in caso di controllo. Ora la questione si sarebbe fatta totalmente differente e riguarderebbe nello specifico il loro funzionamento, o forse sarebbe meglio dire “malfunzionamento”.

Le termovalvole continuerebbero a conteggiare i consumi delle famiglie anche quando i termosifoni sono spenti, come accade ad esempio nel periodo estivo. A sostenerlo è il sito Il Salvagente, specializzato nel verificare possibili truffe ai danni dei consumatori. A segnalare il possibile errore di calcolo un lettore, che ha riferito una discrepanza con i consumi reali tale da portare al pagamento ingiustificato di 30 euro.

=> Scopri cosa c’è da sapere sulle termovalvole nei condomini

A tal proposito è stato interpellato dal sito un esperto di installazioni, che ha riferito come tale “anomalia” sia di fatto possibile. Questo proprio a causa del meccanismo di funzionamento delle termovalvole, che si basa sulla differenza di temperatura tra il termosifone e l’ambiente domestico. Se ad esempio il sole estivo batte sul radiatore, riscaldandolo, il risultato è l’avvio del conteggio.

=> Termovalvole nei condomini, leggi di più su controlli e sanzioni in arrivo

L’errore può tuttavia essere risolto semplicemente azzerando il contatore al momento dell’accensione dell’impianto (variabile a seconda della fascia climatica di riferimento). È buona norma quindi verificare che ciò sia avvenuto, se necessario contattando l’amministratore di condominio o il tecnico della ditta che gestisce la manutenzione dell’impianto.

Qualora si sia ricevuto un conteggio per il riscaldamento alterato da questo errore nel meccanismo di funzionamento delle termovalvole sarà possibile contattare gli stessi amministratori condominiali o i responsabili della ditta per ottenere il rimborso corrispondente ai consumi non effettuati.

6 dicembre 2017
Lascia un commento