Migliaia di persone in più, oltre ai delegati, potranno assistere e partecipare ai lavori della prossima Conferenza delle parti dell’UNFCCC a Copenhagen (7-18 dicembre 2009) senza bisogno di recarsi sul posto grazie alla tecnologia di telepresenza Cisco.

Gli organizzatori della COP-15 hanno raggiunto un importante accordo con la società statunitense che consentirà di seguire l’evento a distanza. Nella capitale della Danimarca, in cui si negozieranno i nuovi accordi internazionali sul clima, verranno allestite infatti quattro sale speciali nello spazio del Bella Center.

La Global Climate Change Meeting Platform di Cisco permetterà il collegamento in rete con più di 100 località in tutto il mondo, comprese le sedi del quartiere generale dell’Onu di New York, dell’Unep a Nairobi e quelle di 20 ambasciate danesi.

Il sistema GCCMP, che include servizi di telepresenza, video e audio conferenza, faciliterà la comunicazione tra rappresentanti dei vari governi, impegnati nelle trattative, e consulenti o esperti, in qualunque luogo si trovino, che potranno all’occorrenza fornire tutti i consigli e le informazioni richieste.

Istituzioni, stampa e parti interessate (stakeholders, Ong ecc.) alle discussioni e alle decisioni di Copenhagen saranno in grado di mantenere un contatto diretto, dare il proprio contributo sui colloqui ed essere aggiornati in tempo reale sull’andamento del vertice mondiale.

A questa significativa estensione della partecipazione attraverso virtual meeting technologies corrisponde anche un notevole beneficio in termini di risparmio delle spese di viaggio e delle relative emissioni di CO2.

6 novembre 2009
Lascia un commento