Cellulare ritirato in Francia per radiazioni eccessive

A causa di un difetto di fabbricazione, un telefono cellulare commercializzato in Francia in esclusiva dall’operatore Orange è stato ritirato di un mercato poiché emetteva troppe onde elettromagnetiche. Si tratta del modello Orange Hapi 30 prodotto dalla francese Mobiware che supera il tasso di emissioni autorizzato (SAR) e che era stato venduto a ben 90 mila clienti.

=> Scopri come la connettività 5G potrebbe aumentare le radiazioni


Si apprende dai media francesi che lo scorso mese Orange (ex Telecom France) ha inviato una lettera ai suoi 90 mila clienti che hanno acquistato il telefono cellulare a conchiglia per avvertirli del difetto; in determinate condizioni d’uso considerate dall’operatore “rare”, ovvero durante l’avvio di un MMS con copertura di rete 2G, l’Orange Hapi 30 superava lo standard a livello del “tronco” fissato a 2 W / kg, attestandosi ai 2,1 W / kg.

L’Hapi 30 viene così ritirato dalla vendita e agli utenti che ne hanno acquistato un’unità è stata offerta una sostituzione gratuita del telefono con un altro modello simile. L’operatore ha cercato di rassicurare le persone affermando, tramite un portavoce, che: “Questo cellulare non presenta alcun rischio per la salute” ma a ogni modo si tratta di una situazione potenzialmente non unica, come segnalato da 60 millions de consommeteurs.

=> Leggi l’indagine di Report sul rischio cancro legato ai cellulari


Secondo il noto portale a tutela dei consumatori, Orange Hapi 30 potrebbe non essere l’unico telefono a superare i livelli di emissioni delle onde elettromagnetiche concessi secondo da legge. Si stanno effettuando al momento dei controlli sulle radiazioni emesse dai device di altri produttori e presto se ne saprà di più a riguardo.

6 aprile 2018
Immagini:
Lascia un commento