Tè e infusi: da quali piante si possono ricavare

La rosa di piante officinali da cui si ottengono solitamente infusi, tisane e è molto ampia: si tratta di erbe o vegetali spesso molto comuni i cui elementi, come radici, frutti, foglie e semi, rappresentano gli elementi base attraverso cui assimilare principi benefici per l’organismo. Lo stesso tè che si è abituati a sorseggiare quotidianamente, ad esempio, si ricava dalla Camellia sinensis Kuntze (detta anche pianta del tè).

=> Scopri 10 piante fitoterapiche per la cura del corpo


Molte delle piante utilizzare per preparare tè e infusi possono anche essere coltivate in ambiente domestico, talvolta usate in abbinamento per creare bevande salutari che possano avere effetti benefici da più punti di vista. Ecco una panoramica di alcune piante che rappresentano gli ingredienti primari per la preparazione di tè e infusi, sorseggiati in tutte le stagioni per favorire una pluralità di obiettivi differenti: dalla digestione al drenaggio dei liquidi, dal sonno ristoratore al semplice rilassamento fino alla depurazione dell’organismo.

Melissa

Melissa

La melissa è una pianta conosciuta per le sue qualità rilassanti e calmanti, caratterizzata da un gusto delicato soprattutto se abbinato con il limone. Le potenzialità sono numerose così come gli effetti benefici per la salute: un infuso a base di foglie di melissa può aiutare in caso di crampi addominali e nevralgie oltre che favorire il rilassamento grazie alla sua leggera azione sedativa.

Zenzero

Zenzero

Pianta officinale coltivabili anche in casa, lo zenzero rappresenta una risorsa per lenire una serie di fastidi legati alla digestione: un ottimo infuso si ottiene facendo bollire un piccolo pezzo di radice insieme a un limone tagliato in due pezzi, spremendone nell’acqua anche il succo. Si tratta di un rimedio efficace per placare la nausea, liberare lo stomaco dopo un pasto abbondante, sfruttare i numerosi antiossidanti contenuti nella pianta per frenare l’invecchiamento cellulare.

Lavanda

Lavanda

I fiori della lavanda sono molto usati per la preparazione di infusi, ma anche in aggiunta al semplice tè, grazie alle notevoli qualità benefiche che garantiscono. Vantano un potenziale calmante e possono favorire un effetto analgesico per la cefalea, oltre a consentire un’azione balsamica direttamente sulle vie respiratorie in presenza di tosse e catarro. L’infuso si prepara immergendo un cucchiaio di fiori di lavanda (preferibilmente secchi, più intensi di quelli freschi) in una tazza di acqua bollente lasciando coperto per circa un quarto d’ora.

Erba gatta

Erba gatta

L’erba gatta non rappresenta solo una risorsa per i felini domestici, diventando anche ingrediente fondamentale per la preparazione di bevande calde a base di foglie secche: i benefici sono numerosi, compresi gli effetti sedativi e antispasmodici nonché il potenziale sfiammante per l’intestino.

=> Scopri gli infusi per ridurre il meteorismo


Passiflora

Passiflora

Pianta del frutto della passione, la passiflora aiuta a “calmare i nervi” e a placare eventuali stati di agitazione. Vanta un effetto sfiammante per l’intestino irritabile e per i crampi dovuti al ciclo mestruale, fungendo da supporto per il controllo del battito cardiaco in caso di tachicardia. L’infuso a base di passiflora si prepara facendo bollire dell’acqua con pochi grammi di foglie secche, lasciando in infusione per circa cinque minuti prima di filtrare il liquido e consumarlo, preferibilmente nelle ore che precedono il riposo notturno.

19 giugno 2018
Immagini:
Lascia un commento