La notizia è di quelle da far sgranare gli occhi: la linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione potrebbe saltare, e non per le aspre contestazioni dei movimenti No TAV, ma per un cavillo burocratico. Perché il progetto del treno veloce possa godere dei finanziamenti europei, infatti, è necessario che il CIPE (Comitato interministeriale per la programmazione economica) lo approvi entro il prossimo 31 luglio. Una formalità, che però richiede obbligatoriamente il preventivo via libera dalla commissione di Valutazione di impatto ambientale (Via).

Al 31 luglio, è vero, mancano ancora un paio di settimane, ma la commissione Via che dovrebbe approvare il progetto è scaduta dal 22 giugno e il decreto di rinnovo firmato dal ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, è bloccato in attesa del vaglio della Corte dei Conti.

Tutto fermo, dunque? Una via di uscita, a ben guardare, ci sarebbe, ma in questo momento non sembra facilissima da mettere in atto. In pratica, il decreto di rinnovo dei componenti della commissione potrebbe essere inserito nella manovra finanziaria, ma il blocco degli emendamenti imposto dal ministro Tremonti rende questa ipotesi piuttosto improbabile.

In alternativa, sarebbe possibile far rientrare il rinnovo in un emendamento al decreto rifiuti in discussione la prossima settimana. In questo caso, però, i tempi sarebbero davvero strettissimi, perché si arriverebbe alla ricostituzione della commissione di Valutazione di impatto ambientale non prima del 29 luglio.

La situazione, dunque, appare paradossale: dopo gli scontri e le feroci polemiche politiche delle ultime settimane, il cantiere della Torino-Lione rischia di saltare per un intoppo burocratico. Al governo non resta che accelerare per riuscire a trovare una soluzione. Ma dovrà correre più veloce del Tav.

14 luglio 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Enzo R., giovedì 14 luglio 2011 alle17:12 ha scritto: rispondi »

Gli occhi li avevo già sgranati per mille motivi: adesso non mi resta che piangere ( o ridere, a seconda delle fazioni in lotta sull'argomento)

Lascia un commento