Ci sono vari modi di unire creatività, pigri pomeriggi estivi, qualcosa di fresco da bere e tappi delle bottiglie. Fra spume, succhi di frutta, birre (solo per i più grandi), e altre bibite, non è difficile collezionare un gran numero di tappi di metallo. Se volete realizzare alcuni di questi progetti, assicuratevi di deformare il meno possibile i tappi, quando stappate una bottiglia.

Gioielli

Con i tappi di bottiglia è possibile realizzare vari gioiellini, dai ciondoli agli anelli, dagli orecchini ai portachiavi. Si può fare qualcosa per tutti e per tutte le età.

caps-collana

Occorrente

    • tappi di bottiglia non troppo piegati;
    • un lungo chiodo o punteruolo e martello;
    • fil di ferro;
    • filo da pesca;
    • colla vinilica (o, per i più attrezzati, resina epossidica bicomponente);
    • colla superadesiva rapida;
    • pinze a becco piatto;
    • eventuali immagini ritagliate dai giornali o piccole cose da includere;
    • pittura o smalti (anche gli smalti per unghie vanno bene);
    • pennelli;
    • perline e altre decorazioni o basi per anelli, per orecchini, anelli per portachiavi, pezzi di feltro, nastri. Insomma, qualsiasi cosa possa servirvi per rifinire il vostro progetto.

Ciondolo con inclusione. Prendete un tappo, pulito e asciutto, tenetelo con la parte concava rivolta verso di voi. Con l’aiuto del punteruolo e del martello, appoggiandovi su una superficie che può essere danneggiata e bistrattata, praticate un foro vicino al bordo del tappo. Questo sarà il foro attraverso il quale farete passare un filo per appendere il ciondolo. Ora incollate sul fondo del tappo qualunque cosa vogliate includere: un’immagine ritagliata da un giornale, un fiore secco, del glitter, delle perline. Letteralmente qualsiasi cosa!

Per le inclusioni leggere, come l’immagine dal giornale o il glitter, potete usare semplicemente la colla vinilica. Per le inclusioni più particolareggiate, come le perline per esempio, usate prima un goccio di superadesivo a presa rapida. Quando tutto sarà ben asciutto, potete dare una seconda mano di colla vinilica: questo renderà il vostro ciondolo lucido e resistente.

Esiste anche un metodo più “avanzato” per realizzare un ciondolo con inclusione. Usando sempre il tappo dalla parte concava, non foratelo questa volta: il tappo servirà da contenitore per la resina epossidica e quindi non possono esserci buchi. Posizionate l’oggetto che volete includere nel ciondolo e copritelo con la resina, preparata secondo le istruzioni della confezione (e in ogni caso, quando lavorate con la resina, fatelo in un posto molto areato). Lasciate indurire completamente.

Per poter appendere il ciondolo ci sono due possibilità. Quella semplice: incollate sul retro del tappo, una volta che tutto è asciutto, una fettuccia ripiegata su se stessa in modo da formare un’asola. Oppure del filo di ferro o del filo da pesca, sempre con lo stesso principio. Se volete potete coprire e proteggere il retro con un piccolo disco di feltro.
Quella complicata: potete effettivamente forare il tappo e far passare un chiodino o del filo prima di procedere al lavoro con la resina, è però importante sigillare questo foro con un goccio di colla a caldo.

Questi ciondoli ora possono essere montati su orecchini, collane, bracciali, portachiavi, insieme magari ad altre perline e minuteria.

Anello dipinto. Semplicemente come da titolo, serve un tappo, una base per anelli e della pittura. Sia gli acrilici sia gli smalti per unghie – per riciclare ancora più creativamente – vanno bene. Dipingete il tappo dalla parte convessa. Potete sbizzarrirvi con colori, immagini, decoupage, glitter. Una volta asciutto potreste decidere di passare un velo di smalto trasparente o, in mancanza d’altro, di colla vinilica, per sigillare e lucidare il tutto. Poi basterà incollare il tappo alla base per anello. Se il bordo ondulato del tappo dovesse darvi fastidio alle mani, ci sono due soluzioni:

      • con una pinza a becco piatto, liscia, piegate il bordo all’indentro
      • incollate un dischetto di feltro fra la base per l’anello e il tappo

Scacciaspiriti o Attirafate

Un bel progetto per decorare il giardino o il balcone è creare una “campanella del vento” con i tappi di bottiglia.

caps-scacciaspiriti

Occorrente

      • del filo di ferro spesso (ce ne sono di tutti i tipi dal ferramenta, oppure potreste riciclare un pezzo di una vecchia gruccia per abiti) oppure un vecchio colino/setaccio di piccole dimensioni;
      • filo da pesca;
      • punteruolo e martello;
      • tappi di bottiglia;
      • eventuali altre decorazioni (come conchiglie forate, perline, nastri, campanelle…)

Prima di iniziare potete decidere di dipingere i tappi oppure di lasciarli così come sono. Come visto prima, con l’aiuto di punteruolo e martello, appoggiati su una superficie che può essere danneggiata, praticate due fori nei tappi vicino al bordo, come se fossero le due estremità del diametro del tappo, così da poterli legare l’un l’altro. Fate passare il filo da pesca e fate un nodo al di sotto di ogni foro, all’interno del tappo. Queste “ghirlande” possono essere lunghe quanto volete, potete metterci quanti tappi volete, distanziati di quanto volete. Qua e là potete aggiungere anche qualche altra decorazione, se vi piace.

Lasciate un’estremità di filo da pesca piuttosto lunga in ogni ghirlanda di tappi e usatela per attaccare le ghirlande al vostro supporto: un anello di fil di ferro fatto da voi o facendo passare il filo nei buchi di un vecchio colino.

Legate altro filo per poter appendere il vostro scacciaspiriti e appendetelo dove possa muoversi e suonare liberamente al vento. Attenzione: ai gatti potrebbe piacere molto

Rinnovare tavoli e cornici

Se avete un vecchio tavolino o una vecchia cornice che hanno bisogno di un nuovo look, ecco come i tappi di bottiglia possono venirvi in aiuto.

caps-tavolo

Armatevi di colla a caldo e tanti tappi. Poi, con infinita pazienza, incollateli uno per uno, in modo regolare, su tutta la superficie del tavolo, della cornice, della tela, del bancone del bar, insomma qualsiasi superficie vogliate rinnovare con un po’ di tappi colorati.

Un unico accorgimento: se il tavolo (o il bancone del bar) che state ridecorando verrà usato davvero, allora sarebbe il caso di ricoprire il tutto con della resina epossidica, sia per proteggere il vostro lavoro certosino, sia per questioni di igiene: come togliere altrimenti polvere e briciole fra un tappo e l’altro?

Per una marcia in più: potete selezionare e dividere i tappi per colore (oppure dipingerli preventivamente) e creare un mosaico artistico e immagini varie, disponendo accuratamente i vari tappi colorati. Questo richiede gli stessi strumenti di prima, ma molta più pazienza!

Miniature

Qualcuno ha ancora una casa delle bambole da qualche parte, oppure una nipotina che ne ha una. Perché non aggiungere all’arredamento e agli accessori della casetta, una piccola crostata fatta in casa?

caps-torte

Occorrente

      • perline colorate, tutte dello stesso colore;
      • taglierino di precisione;
      • gomma piuma o una vecchia spugna gialla;
      • pasta da modellare (a vostra discrezione);
      • colla vinilica;
      • colla super a presa rapida;
      • eventuale pittura;
      • tappo da bottiglia;

Il tappo, usandone la parte concava, sarà la teglia della mini crostata. Se volete potete iniziare dipingendo l’esterno della “teglia”. Per realizzare la torta, anche qui, ci sono due possibilità.

Torta di perline. Incollate un po’ di perline nel tappo, sembreranno piccoli frutti. Potete usare una grossa goccia di colla vinilica per tenere tutto insieme e lasciare comunque un effetto lucido. Con il taglierino ritagliate alcune piccolissime strisce di gomma piuma o spugna e incollatele, incrociandole fra loro, per mimare i decori di una crostata.
Ed ecco fatto!

Torta di pasta da modellare. Che scegliate la pasta polimerica (da cuocere o quella che indurisce all’aria), la creta sintetica o la pasta di sale (queste ultime due andranno dipinte una volta asciutte), il procedimento è sempre lo stesso e piuttosto semplice. Formate una pallina di pasta da modellare, inseritela nel tappo di metallo, spianandola un po’ sui bordi.
Con altra pasta create delle piccolissime striscioline che poi incrocerete fra loro, sempre per mimare i decori delle crostate. Cuocete o lasciate asciugare e dipingete se necessario.
Una passata di smalto per unghie trasparente luciderà la vostra miniatura rendendola ancora più “golosa” da vedere.

Potete, con questo metodo, creare qualsiasi tipo di torta in una teglia, sbizzarrirvi con i decori, decidere di fare una torta piatta come le crostate nostrane, o più “gonfia” per fare una miniatura delle torte dei cartoni animati.

Altri usi

Ecco infine una veloce carrellata di idee per riciclare creativamente i tappi delle bottiglie. Incollate, nella parte concava, una puntina da disegno, ed ecco un ottimo fermaglio per le vostre bacheche.

Per chi non avesse una bacheca, ma un frigorifero pieno di calamite: basta incollarne una su un tappo, ed ecco fatto.

caps-calamite

Se incollate il lato piatto di alcuni tappi su un pezzo di cartoncino e dipingete tutto di un colore uniforme, avrete fatto un organizer perfetto per tenere in ordine oggetti piccoli, come anelli, orecchini, oppure graffette per la carta o minuterie per il fai da te.

Chi ha più pazienza, oppure più tappi da riciclare, può forarli come visto per i bijoux o lo scacciaspiriti, infilare lunghe ghirlande di tappi, e farne una tenda.
Per un gazebo, una casa sull’albero, o una cameretta molto, molto originale!

Con un po’ di cera fusa e un piccolo pezzo di stoppino, si possono fare piccole candeline tealight, della misura perfetta da portare anche in vacanza. Magari arricchite di citronella per tenere lontani gli insetti indesiderati.

caps-candele

Infine, per movimentare un po’ i tornei di briscola, o per i fan del poker, piegate verso l’interno i bordi del tappo, con l’aiuto di una pinza. Appiattite i tappi il più possibile, ed ecco fatto delle fiches per i giochi di carte!

Credits: le immagini sono prese da Craftionary, eccetto la foto delle miniature, che è di Examiner

25 agosto 2014
Immagini:
Lascia un commento