TAP sospeso dal TAR Lazio, stop a espianto ulivi in Puglia

Il TAR del Lazio sospende i lavori per il TAP in Puglia. Accolto del Tribunale Amministrativo Regionale laziale l’istanza presentata dalla Regione Puglia contro la realizzazione del gasdotto Trans Adriatic Pipeline in località Melendugno e il relativo espianto degli ulivi all’interno dell’area al cui interno sta sorgendo il cantiere.

=> Leggi cos’è il TAP e perché sta generando proteste

La sospensione dei lavori per il TAP è stata disposta dal TAR Lazio fino al 19 aprile 2017, quando verrà discussa l’istanza cautelare in Camera di Consiglio. Nello specifico sono state sospese dal Tribunale Amministrativo Regionale laziale:

Le note del Ministero dell’Ambiente con le quali veniva dichiarata pienamente ottemperata la prescrizione A.44 riferita alla cosiddetta fase 0 dei lavori che autorizzava TAP-Trans Adriatic Pipeline (TAP) all’espianto degli ulivi ricadenti nell’area interessata dal cantiere.

=> Gasdotto TAP serve davvero? Leggi alcune informazioni utili

La decisione del TAR Lazio arriva dopo diversi giorni di tensione e scontri a Melendugno, dove i cittadini sono scesi direttamente in campo per fermare gli espianti e l’avvio dei lavori di costruzione. Contraria alla realizzazione del TAP (Trans Adriatic Pipeline) anche la Regione Puglia.

Proprio il suo governatore Michele Emiliano ha assicurato che la battaglia per fermare un’opera ritenuta inutile e costosa non è ancora terminata. A questo proposito ha pubblicato su Facebook il seguente messaggio:

La battaglia continua il 19 aprile con l’udienza.

6 aprile 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento