I SUV sono dannosi per la salute del cane: lo studio

Dopo aver ottenuto grande successo negli Stati Uniti, i SUV stanno diventando sempre più popolari anche in Europa: queste vetture, dalle dimensioni tutt’altro che contenute, popolano ormai da diversi anni le strade del Vecchio Continente. Eppure un recente studio svela come simili automobili non siano la soluzione ideale per i proprietari di cani, poiché potenzialmente dannose per la loro salute.

La ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Vet Record e ripresa dall’Express, sottolinea come le dimensioni dei SUV potrebbero causare problemi muscolari e articolari agli amici a quattro zampe. In particolare, la maggiore altezza da terra sia del lato portiera che di quello bagagli costringerebbe l’animale a effettuare salti più importanti per salire e per scendere sulla vettura, con una sollecitazione anomala delle zampe.

=> Scopri le norme di sicurezza per i cani in auto


I ricercatori hanno analizzato 15 cani in salute, 14 dei quali dotati di pedigree a cui si è aggiunto un meticcio, per scoprire il peso sulle articolazioni dei salti da diverse altezze. Per farlo, è stata usata una piattaforma regolata a 0.55, 0.66 e 0.75 metri dal suolo, per riprodurre le misure tipiche della maggior parte delle vetture presenti sul mercato. Dai test, è emerso come il salto per salire o scendere dal mezzo determini una certa tensione sulle zampe anteriori del quadrupede, con una differenza addirittura del 25% tra l’altezza minore e quella maggiore.

=> Scopri i consigli per i cani in auto durante l’estate


Sebbene gli esperti abbiano confermato come altri studi si renderanno necessari per comprendere quanto, soprattutto nel lungo periodo, le grandi dimensioni dei SUV possano andare a detrimento dell’animale domestico, i ricercatori consigliano di evitare stress motori agli amici cani. Ad esempio prendendo in braccio il quadrupede, se la stazza lo consente, o predisponendo un piccolo aiuto come un piedistallo o una scatola rigida dove si possa appoggiare, creando così una scaletta.

11 luglio 2018
Fonte:
Lascia un commento