Chi mangia sushi rischia di consumare pesce di diversa varietà o addirittura specie rispetto a quanto indicato. Questo è quanto rivelano alcuni studiosi della University of California Los Angeles (UCLA) e della Loyola Marymount University (LMU), secondo i quali spesso i clienti che scelgono questo tipo di piatti non consumerebbe quel che crede.

=> Leggi i rischi associati ai sushi low cost a Milano dalla ASL

La ricerca è stata condotta su 26 (tra ristoranti e negozi alimentari di fascia alta) che vendono sushi nell’area di Los Angeles. Il risultato è stato che metà del pesce venduto, dichiarano i gli esperti della UCLA, in realtà apparterrebbe a varietà se non specie differenti rispetto a quanto compare in etichetta o sul menu. Come ha spiegato Samantha Cheng, a capo dello studio:

Di volta in volta abbiamo riscontrato come una varietà o persino una specie del tutto differente fosse etichettata come un diverso e più noto o popolare prodotto ittico.

=> Scopri i benefici per la salute del mangiare sushi di qualità

I prodotti analizzati in laboratorio, con campioni prelevati grazie al supporto sul campo di circa 300 studenti della UCLA, dai ricercatori statunitensi sono stati: red snapper americano, ricciole, halibut, sgombri, salmone e quattro varietà di tonno (alalunga, albacora, obeso e rosso).

Stando ai risultati presentati ogni ristorante ha proposto almeno un tipo di pesce indicato in maniera errata, appartenente ad altra varietà o specie. Il 100% dei ristoranti che assicurava di presentare red snapper e halibut proponeva invece un altro prodotto ittico.

Le percentuali di errata etichettatura sono risultate del 42% nei negozi di fascia alta e del 47% nei ristoranti di sushi. Le preoccupazioni secondo i ricercatori sono rivolte sia ai soggetti allergici, che potrebbero consumare pesci a loro sconsigliati, o perché le varietà proposte potrebbero presentare rischi particolari (come l’ondata di infezioni in Giappone da Paralichthys olivaceus, nota anche come halibut giapponese, spesso servita al posto del sushi di halibut).

16 gennaio 2017
Fonte:
Lascia un commento