Un supermercato nel Regno Unito verrà alimentato grazie al cibo gettato nella spazzatura. Gli alimenti destinati agli scarti provenienti dagli altri punti vendita della catena Sainsbury’s verranno utilizzati per generare energia rinnovabile con cui soddisfare il fabbisogno energetico del punto vendita di Cannock, in Inghilterra.

Grazie al processo definito “digestione anaerobica”, che trasforma i cibi di scarto in biogas, il punto vendita di Cannock verrà alimentato con energia sostenibile e a basso costo. L’iniziativa è resa possibile grazie alla collaborazione della Sainsbury’s con un’azienda specializzata, la Biffa.

Una collaborazione avviata già nel 2005 per ridurre il volume di rifiuti alimentari della catena di supermercati e che ora passa a un nuovo interessante livello. Lo stabilimento di Staffordshire vedrà convogliati tutti gli scarti provenienti dai punti vendita UK della compagnia e rifornirà il centro di Cannock attraverso un collegamento diretto lungo 1,5 km.

Un modo efficace per evitare lo spreco totale di cibo che caratterizza in sostanza la totalità dei grandi distributori. Quello che non può essere quindi destinato ad operazioni di carità o alla nutrizione degli animali verrà impiegato per produrre energia rinnovabile.

Un problema quello dello spreco alimentare molto sentito anche in Italia, dove risulta in aumento la percentuale di coloro che riducono al minimo gli scarti, o in Francia, dove la frutta e la verdura “brutte” anziché essere scartate vengono vendute a prezzo scontato.

23 luglio 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento