Succhi detox non così salutari come si pensa

I succhi detox o disintossicanti sono davvero un toccasana per la salute? È la domanda a cui ConsumerReports tenta di dare risposta, spiegando che molte persone non sanno che tale tipologia di bevande ha diversi lati negativi: ecco dunque a cosa prestare attenzione quando si fa la spesa.

Come ricorda il portale è bene prestare attenzione all’etichetta apposta sulla bottiglia dei succhi detox in commercio: anche se alcuni brand promuovono i loro prodotti con la dicitura “zero zuccheri aggiunti”, in realtà in diverse bevande gli zuccheri ci sono e anche in quantità paragonabili a quelle di una bottiglia di Coca-Cola.

=> Leggi la ricetta per frullati di frutta detox fatti in casa

Questo perché anche se gli zuccheri contenuti nella frutta sono naturali e dunque non aggiunti, vengono elaborati dal corpo nello stesso modo e per tale motivo sarebbe meglio scegliere succhi detox con alto contenuto di verdura, e non di frutta. Attenzione anche al contenuto di fibre dato che la maggior parte dei succhi detox in bottiglia ne contiene meno di un grammo. Come spiegato dalla nutrizionista Amy Keating:

È sempre meglio mangiare verdure intere ogni volta che è possibile. Ma se preferisci avere i tuoi vegetali in forma liquida, il modo per non perdere la fibra è quello di creare la tua bevanda in un frullatore che può frullare frutta e verdura intere.

Infine i succhi detox a base di alcune verdure hanno un alto contenuto di sodio naturale, come quelli a base di sedano. Chi sta dunque seguendo una dieta volta a ridurre l’assunzione di sodio dovrebbe scegliere con cura le bevande assunte.

30 marzo 2018
Immagini:
Lascia un commento