Lo stress da rientro è un malessere che colpisce molti italiani al ritorno da una vacanza. Questo può accadere anche quando si è scelto di concedersi un breve viaggio, come nel caso dell’appena trascorso ponte del 1 maggio. Alcuni rimedi naturali possono in questi casi aiutare a superare i disagi e favorire un ritorno più sereno alla vita di tutti i giorni.

Lo scatenarsi dello stress da rientro prevede alcuni segnali fisici e psicologici come senso di spossatezza, difficoltà a concentrarsi, emicrania e irritabilità. Come ha spiegato Michele Cucchi, psichiatra e direttore sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano:

Il rientro al lavoro dopo un periodo di vacanza può effettivamente creare disagio, alcuni studi suggeriscono infatti che addirittura sia il 50% dei vacanzieri a soffrirne.

Questo stress da rientro spesso consiste in un senso di spossatezza, che porta con sé difficoltà di concentrazione, emicranie, sensazione di confusione e stordimento. Non è però tutto, possono insorgere ulteriori problematiche come l’attivazione neurofisiologica con tachicardia, ipersudorazione, dolori muscolari, oltre che sintomi a maggior connotazione affettiva come perdita di entusiasmo, irritabilità, rimugino e chiusura relazionale.

Rimedi naturali

Alimentazione sana e naturale tra i rimedi naturali più efficaci nel combattere lo stress da rientro. Particolari benefici possono derivare da un adeguato apporto di frutta e verdura, ricche di vitamine e sali minerali.

A una corretta alimentazione possono affiancarsi tisane rilassanti, che aiutino a ridurre quindi i livelli di ansia e stress, come quelle a base di camomilla, biancospino, melissa, radice di valeriana, passiflora, tiglio e salvia.

Utili contro gli stati d’ansia e stress anche sotto forma di oli essenziali. Possono essere impiegati per inumidire fazzoletti di stoffa, da annusare nei momenti di maggiore agitazione. Possibile a questo proposito anche sminuzzare alcune foglie di timo, da porre in un sacchetto e portare con sé.

Possono infine essere impiegate tecniche come l’agopuntura o l’applicazione sul viso di un impacco allo zenzero, per rilassare la muscolatura facciale e riportare la serenità perduta. Quest’ultimo si prepara mescolando due cucchiai di polvere a un quantitativo di latte tale da rendere il composto fangoso: una volta pronto si applicherà per circa 15 minuti sul volto fino all’essiccazione, rimuovendolo poi con acqua tiepida.

Consigli utili

Il rientro alla vita di tutti i giorni può essere reso più facile anche da alcune pratiche benefiche. Tra queste senza dubbio l’attività fisica, ancor più efficace se praticata all’aria aperta. Non è necessario tuffarsi in esercizi fisici intensi e spossanti, ma anche una lunga passeggiata nel verde o una corsa leggera possono produrre gli effetti desiderati.

Occorre inoltre riprendere il proprio lavoro per gradi, senza cedere all’ansia di dover recuperare all’istante il pieno ritmo lavorativo. A questo è opportuno infine affiancare l’allontanamento dei dispositivi elettronici dalla “zona notte”, in quanto possono contribuire a disturbare il sonno e favorire un cattivo riposo.

4 maggio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento