Strategia Energetica Nazionale, le novità sulle rinnovabili termiche

La Strategia Energetica Nazionale (SEN) presentata dal premier Monti e dal ministro Passera dichiara di puntare con decisione sulle rinnovabili termiche, grazie a una serie di meccanismi di incentivazione che dovrebbero accelerare lo sviluppo di biomasse, pompe di calore, solare termico e così via.

Le tecnologie pulite per la generazione di calore, infatti, sono indicate nel documento come lo strumento principale per raggiungere gli obiettivi previsti in materia di energie rinnovabili. La SEN, in particolare, attende un incremento della produzione da caldaie a biomassa rispetto a quanto stimato inizialmente nel Piano d’Azione Nazionale per le rinnovabili (PAN).

La priorità accordata al settore termico dipende dalle maggiori ricadute che, secondo il governo, esso assicura alla filiera economica nazionale. L’obiettivo al 2020 è quello di garantire con le rinnovabili termiche la copertura di almeno il 19-20% dei consumi energetici finali lordi dell’Italia, corrispondente a circa 11 Mtep all’anno. La SEN, dunque, va oltre l’impegno del 17% sui consumi lordi assunto dal nostro Paese nell’ambito pacchetto europeo “20-20-20″

Conto Energia Termico

Si comincia con il Conto Energia Termico, atteso da lungo tempo dagli addetti ai lavori e dedicato agli impianti di piccola taglia. Le ultime dichiarazioni di esponenti del governo ne annunciavano la presentazione entro la fine di ottobre, ora Passera e Monti hanno garantito che il provvedimento dovrebbe essere introdotto entro la fine dell’anno. A regime, il Conto Energia dedicato alle rinnovabili termiche costerà circa 900 milioni di euro l’anno, che dovrebbero essere coperti dalle bollette del gas.

Certificati Bianchi

Per gli impianti termici di grandi dimensioni, la Strategia Economica Nazionale punta sul rafforzamento del meccanismo dei Certificati Bianchi, già in vigore al momento. Non sono indicate nel dettaglio le misure da adottare, ma la SEN prevede che il sistema valorizzi soprattutto gli interventi particolarmente efficienti dal punto di vista energetico.

Teleriscaldamento

Sempre per quanto riguarda il settore termico, la SEN appena presentata dedica un riferimento esplicito alle reti di teleriscaldamento e teleraffreddamento, per le quali dovrà essere attivato uno speciale fondo di garanzia. L’obiettivo, in questo caso, è di generare 15-20 miliardi di euro di investimenti entro il 2020.

17 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento