Anche il lusso può essere sostenibile. Greenpeace ha appena annunciato l’adesione alla sua campagna Detox da parte di Canepa, marchio comasco del tessile che produce tessuti di pregio (come seta e jacquard) per le principali firme della moda italiana e internazionale.

Aderendo all’iniziativa di Greenpeace, l’azienda lombarda è diventata il primo produttore tessile del mondo che si impegna volontariamente a ricercare alternative all’utilizzo delle sostanze chimiche pericolose nelle varie fasi della lavorazione.

Canepa, in particolare, chiederà all’80% dei propri fornitori di dare informazioni precise, a partire da gennaio 2014, sui quantitativi delle sostanze chimiche pericolose emesse.

L’azienda, inoltre, si è impegnata a eliminare la metacrilammide, una sostanza che presenta elevati rischi di tossicità. Ha commentato Elisabetta Canepa:

Siamo orgogliosi di essere la prima impresa tessile al mondo a sottoscrivere il Detox Commitment, questo è il nostro contributo a una moda libera da sostanze tossiche che aiuterà i migliori brand dell’alta moda a produrre gli splendidi capi che sanno creare e che con i nostri tessuti avranno anche il pregio di non inquinare un bene prezioso come l’acqua.

25 settembre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento