Quando si dice “calore umano”. La stazione centrale di Stoccolma sarà presto riscaldata grazie all’energia termica emessa dai corpi dei passeggeri. Il progetto è stato annunciato più di due anni fa, ma il nuovo sistema di riscaldamento dovrebbe entrare in funzione entro il 2012, e consentirà, insieme ad altri accorgimenti, di abbattere i consumi energetici di circa un quarto.

In pratica, il calore corporeo degli oltre 250mila viaggiatori che ogni giorno transitano nella stazione sarà catturato grazie a un’innovativa tecnologia e convogliato in un sistema di canalizzazioni. In questo modo, l’energia termica potrà essere utilizzata per riscaldare l’acqua che alimenta l’impianto di riscaldamento.

Il nuovo sistema permetterà di climatizzare non solo i locali della stazione, ma anche gli uffici del vicino edificio Kungsbrohuset, di proprietà dell’agenzia immobiliare Jernhusen, che sta curando la ristrutturazione energetica della stazione di Stoccolma. Il progetto, nel quale sono stati investiti oltre 112 milioni di euro, prevede anche la sostituzione dell’intero sistema di illuminazione con lampade a LED a ridotto consumo energetico.

Grazie a questi accorgimenti, il fabbisogno energetico della stazione centrale dovrebbe essere ridotto di circa il 25%, permettendole di ottenere la certificazione di efficienza del Green building council. La tecnologia che permette di sfruttare il calore corporeo per riscaldare gli ambienti potrebbe essere presto applicata in altri edifici, come la stazione parigina di Rambuteau, dove qualche tempo fa è stato avviato un progetto simile.

16 maggio 2011
Lascia un commento