In molti conosceranno solo l’emittente radio, un piccolo gioiello delle frequenze FM con musica di altissima qualità. LifeGate è però molto di più: è salvaguardia dell’ambiente, progetti a impatto zero, energia pulita e tanto altro ancora. Fra le varie iniziative del gruppo oggi si aggiunge Ideopoli, un progetto dedicato a tutte le start up sostenibili.

>>Scopri le agevolazioni per chi assume nella green economy

Ideopoli non è altro che un “incubatore di start up”, un modo per raccogliere le idee di business green presenti sul territorio, organizzato dallo stesso gruppo LifeGate e da Frame 2013, il salone permanente del lavoro e dell’impresa. L’edizione 2013 si terrà a Erba dal 18 al 20 aprile al centro espositivo LarioFiere e l’obiettivo primario è l’aggregazione dei diversi soggetti economici di alcuni territori lombardi come Lecco, Como e Sondrio. La kermesse è aperta a tutti: imprenditori, piccole attività, studenti che si affacciano oggi al mondo del lavoro.

Per partecipare a Ideopoli è necessario compilare il form sul sito ufficiale e inviare, entro il 25 marzo, la propria proposta di start up sostenibile, riassumendola in 1.000 caratteri. Un apposito comitato scientifico ne vaglierà la consistenza e i più meritevoli potranno partecipare a un corso di formazione d’impresa personalizzato che si terrà il 19 e il 20 aprile a Erba, proprio durante Frame 2013.

Simone Molteni, direttore scientifico di LifeGate, ha così commentato il progetto Ideopoli:

La green economy sarà il volano dell’economia mondiale dei prossimi decenni. LifeGate, da sempre impegnata nella diffusione di un modello di business sostenibile, attraverso questo progetto vuole incoraggiare e affiancare i giovani imprenditori e tutti coloro i quali hanno un’idea di start up sostenibile, fornendo conoscenze, formazione strumenti e consigli per l’avvio dell’attività.

>>Scopri le proposte per la green economy a sostegno del credito

Stessa importanza ribadita da Giuseppe Ravera, membro del comitato scientifico di Frame 2013:

Comprendere la realtà è un esercizio altrettanto difficile che cambiarla. Ma senza comprensione non c’è cambiamento. E senza cambiamento non c’è sviluppo. Per questo nasce Frame 2013, il progetto dedicato al cambiamento del lavoro: a quello che ci potrà essere e a quello che non c’è più, al lavoro dipendente come a quello in proprio.

Frame 2013 è un aggregatore di risorse e di energie, uno strumento al servizio di chi ha perso il lavoro o deve sceglierlo, di chi vuole creare una nuova impresa e di quelle che ci sono già, le piccole e medie imprese che hanno bisogno di crescere. Il lavoro che non sarà mai più lo stesso di prima, ha ancora bisogno delle risorse che fanno la vera differenza: il capitale intellettuale e la voglia di fare delle persone.

In definitiva, un’occasione irrinunciabile per tutti coloro che da tempo desiderano avviare un’attività imprenditoriale rispettando la natura: via libera, quindi, all’innovazione e alla creatività.

1 marzo 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento