Stanchezza cronica: 8 consigli utili per combatterla

Sentirsi sempre stanchi è un fenomeno poco piacevole che spesso influisce negativamente anche all’interno della sfera lavorativa o affettiva. Si tende a essere meno produttivi o disposti a uscire di casa, anche se per una cena con gli amici o per una serata fuori con il/la partner. Le motivazioni di tale stanchezza cronica possono essere più o meno insospettabili, sulle quali si potrà nella maggior parte dei casi intervenire seguendo alcuni consigli utili e ricorrendo ai rimedi naturali.

La stanchezza cronica può derivare come detto da diversi fattori, a cominciare da questioni legate al riposo. Non concedersi il giusto ammontare di ore di sonno può essere rischioso non soltanto per lo scarso rendimento durante la giornata, ma anche per l’insorgere di stress, stati d’ansia, di una maggiore predisposizione al consumo di cibo spazzatura fino a possibili danni al cervello. Meglio quindi farsi il proverbiale “esame di coscienza” per capire se si riesca a dormire il giusto o se magari è necessario un po’ di riposo extra.

=> Scopri cause, sintomi e rimedi naturali per la stanchezza

Il consumo di alcolici se moderato non è di per sé condannato a livello unanime dal panorama scientifico. Esagerare rappresenta però sempre un pericolo, anche se in misura limitata. Tra i possibili fattori negativi in relazione alla stanchezza cronica può figurare quindi anche l’assunzione di più di un bicchiere di vino o una pinta di birra al giorno, in quanto potrebbero alla lunga influire sui normali ritmi circadiani danneggiando il sonno. La soluzione in questo caso è di cercare di ridurre al minimo il consumo di bevande alcoliche, sostituendole con tisane naturali che aiutino a conciliare un naturale riposo.

A provocare la stanchezza cronica potrebbe essere anche un eccessivo ricorso al caffè. Se entro le dosi consigliate può rappresentare un prezioso energizzante, abusandone si rischia di esporre l’organismo a effetti collaterali quali stress, nervosismo, insonnia, tachicardia e mal di testa. Tutte possibili cause di un eccessivo consumo di energie. Meglio attenersi quindi al limite di 400 mg di caffeina, equivalenti a circa 4 tazzine di espresso.

Uomo vittima di stanchezza

Tired student or businessman working with laptop / Shutterstock

Alcune cause della stanchezza cronica possono dipendere dalla carenza di alcuni nutrienti, vitamine e sali minerali. Ecco quindi che magnesio, ma anche vitamina B12, ferro e acido eolico possono giocare un ruolo determinante. Se il sentirsi stanchi si accompagna a un respiro corto, polso rapido, senso di svenimento e un colorito meno roseo del solito è bene contattare il proprio medico e procedere alla richiesta di analisi del sangue, così da accertare possibili carenze nutrizionali.

Sempre in relazione a possibili carenze nutrizionali, la stanchezza cronica può derivare anche dal non assumere le 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura raccomandate dall’OMS. In alcuni casi potrà rappresentare una soluzione efficace anche nel trattare le condizioni affrontate al paragrafo precedente.

=> Leggi di più su cause e rimedi per stanchezza e dolori muscolari

Se talvolta la stanchezza cronica può derivare da un eccessivo carico di lavoro o di impegni in generale, in altri è la mancanza di esercizio fisico e l’essere fuori forma a giocare un ruolo determinante. Questo perché risulteranno alterati sia il metabolismo che le funzioni epatiche. Meglio quindi interrompere l’inattività forzandosi di svolgere un’attività anche dolce ogni giorno, come ad esempio una camminata a passo veloce.

Una passeggiata a passo più o meno veloce può rappresentare una soluzione anche in caso di un altro tipo di carenza, quello da vitamina D. Soprattutto in inverno accade che le uscite all’aperto siano limitate, oltre all’avere a disposizione raggi solari meno intensi. In considerazione del fatto che un eventuale deficit vitaminico è stato indicato come probabile fattore di rischio per la stanchezza cronica, una soluzione potrebbe quindi essere una maggiore esposizione al sole o l’integrazione di vitamina D attraverso alimenti o integratori alimentari.

Combattere la stanchezza è possibile anche bevendo regolarmente dell’acqua. Questo perché anche lo stato di disidratazione è stato associato al sentirsi stanchi, quindi meglio prevenire che curare mantenendo un corretto livello di idratazione dell’organismo.

29 marzo 2018
Lascia un commento