Milano diventa sempre più innovativa dal punto di vista energetico e pienamente ecocompatibile in occasione del Salone del Mobile, a partire da martedì 9 aprile. Come? Con la Spiga Smart Street, un’insieme di iniziative nella Via della Moda volto a stupire con il risparmio energetico, tramite un’installazione permanente.

>>Scopri gli edifici green del Comune di Milano

Promossa dall’Associazione Amici di via Della Spiga e patrocinata dal Comune di Milano, la kermesse vedrà protagonista la tecnologia, con elettricità e banda larga in primo piano. Grazie a un progetto di Unpi e alla collaborazione con diverse aziende di settore – tra cui Fastweb, Renault, Cariboni, Samsung e l’Istituto Italiano del Marchio di Qualità – si è dato vita a un sistema di illuminazione urbano a proiettori LED abbinato a Internet e al telecontrollo, per tagliare del 70% i normali consumi energetici, controllare il gas e fornire servizi graditi ai cittadini.

Si parte da uno spettacolare gioco di luci, il tutto all’insegna del basso consumo, e si prosegue con la fornitura gratuita della connessione WiFi ultrabanda per i passanti. Inoltre, verranno installati dei totem con schermi touchscreen con le informazioni per i turisti, l’accesso per la ricarica delle batterie di tutti i device da taschino, funzioni di telesoccorso e ovviamente colonnine per l’alimentazione delle auto elettriche. Il tutto gratuitamente, senza la necessità di alcun intervento murario, semplicemente sfruttando in modo intelligente i cavi già esistenti per l’approvvigionamento elettrico e l’illuminazione stradale.

>>Scopri il carsharing a Milano

Qualora il progetto venisse applicato all’intera Milano, ovvero se tutte le strade fossero dotate di questi punti luce intelligenti e multimediali, la città risparmierebbe fino a 9 milioni di euro l’anno, senza contare il minor impatto sull’ambiente derivante da simili necessità urbane. Per questo Franco D’Alfonso, assessore al Commercio, attività produttive, turismo e marketing territoriale del Comune di Milano, ha affermato di guardare con molto interesse al progetto pilota:

In questo primo impianto pilota potremo verificare a breve le applicazioni più nuove e soprattutto la possibilità di una soluzione per limitare fortemente gli sprechi di elettricità e ridurre l’emissione di gas-serra.

Un ottimo obiettivo per la città di Milano che, partendo dal suo cuore economico e da una via conosciuta in tutto il mondo per il suo shopping di classe, si avvia così a un Expo 2015 davvero di successo.

Fonte: Il Sole 24 Ore

6 aprile 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento