Tempo di sole, estate e vacanze per tutta la famiglia, cane e gatto compresi. Se la pratica inumana dell’abbandono continua a ripresentarsi puntuale ogni stagione estiva, c’è chi l’amico di affezione lo porta con sé. Decidendo prima in modo sapiente luogo di destinazione, spazi ed esercizi aperti all’ingresso del quadrupede e spiagge attrezzate. La necessità di trovare un luogo che possa assecondare tutte le esigenze di chi vive con un animale, sono rappresentative dei tempi attuali. Anche le spiagge e i relativi bagni seguono il passo odierno, creando aree apposite e ben refrigerate.

Una richiesta molto alta che trova molte offerte e proposte, sia come spiagge libere e aperte a tutti che come centri balneari organizzati. Magari in tandem con alberghi e ristoranti. La risposta positiva a questo genere di domanda è il primo passo contro il randagismo, per questo sempre più località inaugurano spiagge dedicate ai cani. Ad esempio Chiavari, in Liguria, ha creato Lido di Fido, una spiaggia a tema dedicata ai quadrupedi e ai loro proprietari. Fortemente voluta dall’amministrazione comunale locale, la struttura rimarrà aperta fino al 30 settembre 2015. Si tratta di uno spazio apposito adeguatamente attrezzato con tutti i comfort per la giornata in spiaggia e per il relax degli avventori, cani in primis.

Altre località invece precludono ancora l’ingresso sulla sabbia da parte dei cani, è il caso di Bibione in Veneto che vive una sorta di dualismo. Con 12 chilometri di costa attrezzatissima la città garantisce servizi e spazi appositi, ma non consente l’ingresso di Fido ovunque. Per compensare a questi divieti, non amati dai turisti con cani al seguito, la città garantisce un’offerta integrativa importante costituita da alberghi e da una tratta di arenile free zone. Nota come la Spiaggia di Pluto, può contare su 200 ombrelloni, con ferma guinzaglio e 5 metri di spazio tra un cliente e l’altro. La struttura garantisce spazi igienici, docce di acqua dolce per lavare il pelo dei cani, sdraio, lettini, guinzagli, ciotole, acqua corrente, sacchetti igienici e anche un menù per rinfrescare i quattro zampe.

7 luglio 2015
Fonte:
Lascia un commento