Spezie e frodi alimentari: lo zafferano è la più contraffatta

Lo zafferano è la spezia più preziosa, un solo grammo di pistilli della miglior qualità può arrivare a costare decine e decine di euro, e forse è per questo che è anche la più contraffatta in assoluto tra le spezie. Lo rivela un rapporto diramato in Francia dalla Direzione per la concorrenza, i consumatori e la repressione frodi, da cui si apprende che anche altri aromi comunemente utilizzati a tavola presentano anomalie.

=> Scopri perché e come anche il vino è contraffatto


Nello specifico in seguito a controlli condotti su 181 stabilimenti tra produttori, importatori, trasformatori e commercianti di spezie, è stato rilevato che la metà dei campioni di peperoncino, curry, paprika, cannella, zenzero e zafferano tra quelli analizzati presentavano anomalie e aggiunte fraudolente di additivi o di allergeni non dichiarati. Nell’81% dei casi, la spezia con maggiori criticità è risultata lo zafferano.

=> Leggi delle mozzarelle di bufala contraffatte


Il peso delle confezioni di zafferano suggerisce spesso numeri non veritieri, con una boccetta su 5 che dichiarerebbe più contenuto di quello effettivamente presente. Per aumentare la massa delle spezie si aggiungerebbero spesso e volentieri sale, amidi, sansa di oliva e nelle confezioni si troverebbe a volte fiore di cartamo, più a buon mercato. Anche nelle confezioni di cannella sarebbe presente una quantità significativa di cumarina, un composto aromatico utilizzato nell’industria come additivo alimentare.

28 giugno 2018
Immagini:
Lascia un commento