Settembre porta in dono ancora qualche raggio di caldo sole estivo, ma i campi si preparano per l’arrivo dell’autunno che giungerà verso fine mese. La terra offre ancora primizie e prodotti tipici della stagione calda, ma si prepara ad affrontare il tempo del prossimo quadrimestre annuale. La tavola può quindi ancora godere della presenza di verdura e frutta succosa, rinfrescante e idratante. Ma contemporaneamente la spesa si arricchirà dei prodotti tipici della stagione, utili a proteggere il corpo dai primi freddi e dai malanni di stagione.

Fare la spesa sarà facile e utile per il benessere del corpo, ma anche della mente. Come sempre è necessario scegliere prodotti di stagione, primizie facilmente reperibili per un acquisto consapevole e maggiormente economico. Impedendo che con una scelta sbagliata si possa impattare negativamente sull’ambiente circostante. La frutta e la verdura di settembre aiutano ad assaporare il gusto tipico dell’autunno, con il ritorno importante di prodotti necessari per il benessere come ad esempio le mele oppure i cachi. Ma anche sapori più intensi corposi tipici dei primi freddi: castagne, uva e zucche.

Verdura di settembre

La verdura del mese di settembre può contare su molte conferme del periodo quali bietole, broccoli, carote, cavoli, fagiolini, cicoria, cetrioli, melanzane, peperoni, pomodori, spinaci, zucchine ma anche finocchi, fave, piselli, cipolline, valerianella, cicoria e cicorino, rape, porro, ravanelli, sedano e lattuga, rucola, patate novelle, aglio, ceci, erba cipollina, aromi quali rosmarino, basilico, timo, origano, maggiorana, menta. Ancora gli ultimi fiori di zucca baciati dal sole, peperoncino, mais e scarola. Le novità più intriganti sono zucca, funghi, fagioli, lenticchie e cavolo verza, che conosceremo più avanti. La zucca, a dispetto della nomea, è un ortaggio ricco d’acqua e adatto anche ai diabetici perché povera di glucidi. Fonte importante di vitamina A, contiene minerali ma anche vitamina C e B.

I funghi sono i protagonisti di settembre, ma anche della stagione autunnale, vero toccasana per la salute grazie all’alto quantitativo di minerali. Sono un cibo adatto per chi soffre di anemia, contengono vitamina B1 e B2, quindi sostanze antiossidanti. Grazie al basso apporto calorico risultano un toccasana per il corpo e il sistema immunitario, per il cuore e le ossa. Anche i fagioli sono validi alleati per il fisico, in particolare per chi segue un’alimentazione vegan o vegetariana, grazie all’alto apporto proteico. Aiutano ad abbassare il colesterolo, controllano i livelli glicemici e favoriscono il transito intestinale. Sono ricchi di sali minerali e di vitamina B. Infine le lenticchie, amiche della tavola povera ma saporita, cibo antico e di grande supporto grazie alla presenza di sali minerali quali ferro, quindi fibre e proteine. Aiutano contro l’anemia, i radicali liberi, il diabete e l’affaticamento.

Frutta di settembre

Trovano spazio nel mese di settembre ancora alcuni frutti estivi quali pere, fichi, banana, nocciole e mandorle, ribes, le ultime pesche, albicocche, quindi melone, anguria e le tardive prugne e susine. Quasi evergreen pompelmo e limone, quindi spazio ancora per i frutti di bosco: lamponi, more, fragoline di bosco, mirtillo e uva spina. Tra le novità uva, castagne, mele, melagrana che incontreremo più avanti e cachi. L’uva è la vera protagonista del banco frutta, questo è infatti il periodo del raccolto e della vendemmia ovvero della trasformazione in vino. Ma il frutto è un dono della stagione per i suoi benefici grazie alla presenza di molti sali minerali, vitamina B e C, quindi il resveratrolo contenuto nella buccia e con proprietà antitumorali. L’uva è diuretica, aiuta la digestione e abbassa il colesterolo, dona energia, protegge le ossa e il cervello, favorisce la circolazione sanguigna.

I cachi, dalla consistenza soffice e corposa, donano energia, sono leggermente lassativi ma anche diuretici naturali. Proteggono fegato, milza, pancreas e intestino, sono sconsigliati per chi soffre di diabete e obesità. Anche la mela fa la sua ricomparsa stagionale: presenza nota sulle tavole di tutto il mondo è un alimento ricchissimo di acqua e altamente benefico. Prodiga di sali minerali, è ricolma di vitamine quali A, B1, B2, B3, B5, B6, K e J. Aiuta a contrastare il colesterolo e il suo consumo pare possa diminuire del 21% la possibilità di ammalarsi di tumore. Per finire le castagne con un 50% di acqua, proteine, fibre, una buona presenza di sali minerali e un buon apporto di vitamine. Ottime per chi è celiaco e chi è anemico, donano energia e garantiscono un buon equilibrio nervoso.

1 settembre 2015
Lascia un commento