Il mese di novembre riconferma i doni dell’autunno, ricalcando in buona parte le proposte di ottobre e ancora qualche prodotto nato durante l’estate. Il banco della frutta e della verdura mantiene inalterati i toni di colore tipici del periodo, in sintonia con le gradazioni che tinteggiano le foglie in caduta dai rami. Giallo, marrone, verde, rosso. Campiture calde, accoglienti e confortanti, che donano benessere alla vista ma anche e principalmente al corpo e alla spesa.

Novembre sottolinea le bontà dell’autunno accompagnandoci verso la stagione invernale, quella più fredda. Il corpo in questo mese fa incetta di forza ed energia, vitamine e salute per combattere i malanni dati dai primi freddi. Gli sbalzi di temperatura possono incidere sul fisico ma anche sull’umore, specialmente il cambio dell’ora che ha accorciato notevolmente le giornate e l’esposizione alla luce del sole. Per questo il cibo diventa conforto, calore domestico e carezza amorevole per una ricarica di salute. Il paniere della spesa si arricchirà di doni importanti che ci accompagneranno fino alla primavera.

Verdure, tra conferme e novità

Carciofi

Background of fresh artichokes for sale at a farmers’ market via Shutterstock

Il mese ripropone tante delizie incontrate durante ottobre, quali: bietole, carote, cavolfiori, cavolo broccolo, cavolo cappuccio, cavolo verza, cicoria, cipolle, fagioli, indivia, lattuga, patate, pomodori, porri, rape, rucola, sedano, spinaci, valerianella, radicchio, rabarbaro, peperoni, barbabietole, broccoli, gli ultimissimi fiori di zucca, peperoncino e mais. Ma anche scarola, fagiolini, melanzane, zucchine, aglio, ceci ed erba cipollina, lenticchie, zucca e funghi. E, ancora, rosmarino, basilico, timo, origano, menta, dragoncello, maggiorana, prezzemolo e salvia. Tra le novità è possibile degustare carciofi, cardi, finocchio, cime di rapa, catalogna, scorzonera e topinambur.

Parola d’ordine depurare il fegato, per questo carciofi e cardi sono la risposta migliore. Il primo è ricco di acqua, di sali minerali quali potassio, calcio, sodio, fosforo, ferro, magnesio, zinco, rame, manganese e selenio, ma anche di vitamine, tanto da essere un antiossidante naturale. Contiene cinarina utile a favorire la secrezione biliare e la diuresi, risulta particolarmente abbondante nell’ortaggio se consumato fresco e crudo. Favorisce la depurazione del fegato, la digestione e contrasta gli alti livelli di potassio negativi per la pressione. Anche il cardo è ricco di acqua e sali minerali, quindi di vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E, K e J. Antiossidante come il carciofo svolge un ruolo simile, in particolare per la depurazione del fegato. Contrasta l’affaticamento, lo stress e la tensione, è un tonico per il corpo ma anche per il sistema nervoso.

Ottimo il finocchio per le sue qualità depurative e sgonfianti, ma anche il topinambur, utile alleato contro il diabete. Anche la catalogna è un toccasana per fegato, cistifellea e intestino, apporta benefici in caso di reflusso gastrico, indigestione e bruciori di stomaco. Riduce l’ansia e favorisce un buon flusso mestruale, per questo non è indicata per le donne in gravidanza. Le cime di rapa aiutano a rivitalizzare grazie a un ottimo apporto di sali minerali, garantendo un benessere generale e una depurazione corretta. Ricche di acqua, come anticipato anche di sali minerali, quindi vitamine vitamine A, B, C e vitamina K e carotenoidi, fibre, acido folico, tiamina, riboflavina, luteina, xanthina, acido pantotecnico. Antiossidanti puri contrastano anche la formazione del colesterolo e aiutano i fumatori fornendo una ricarica di vitamina A. Lo scorzonero, noto anche come asparago d’inverno, contiene vitamina B2, B6, riboflavina, C, A, sali minerali quali manganese, potassio, calcio, fosforo, ferro. È ricco di inulina e levulina, è un toccasana per l’intestino e un valido alleato per i diabetici.

La frutta succosa di novembre

Banane

Bunch of ripened bananas at grocery store via Shutterstock

La vitamina C è la vera protagonista di questo mese e lo sarà anche per tutto il resto dell’inverno, grazie alla conferma e all’arrivo di molti agrumi. Tra le novità è possibile imbattersi nell’ananas, ma anche mandaranci, papaya, avocado, banane, fichi d’India. Conferme invece per arance, bergamotti, cedri, mele cotogne, pompelmi, uva, castagne, mele, cachi, clementine, fichi, kiwi, limoni, mandarini, mandorle, nocciole, noci, pere, prugne, mirtilli, lamponi e melagrana. Il mandarancio è parte attiva della famiglia degli agrumi, quindi sarà presenza costante per tutto l’inverno, toccasana per il corpo grazie all’altissima presenza di vitamina C, ma anche di potassio, acqua, fibre e un discreto apporto di zuccheri. Per favorire la depurazione e la diuresi, con il resto delle verdure, novembre propone anche l’ananas contenente l’86% di acqua; ricarico ottimale di vitamine, sali minerali e amminoacidi. Contiene un enzima, la bromelina, ottima per favorire la digestione. Inoltre l’ananas previene e contrasta anche la cellulite e le rughe, quindi le placche dell’arteriosclerosi e regola i valori glicemici.

Sono note le capacità dell’avocado, ricco di fibre e grassi sani per l’organismo: aiuta il sangue e contrasta l’invecchiamento della mente. La papaya è invece una barriera naturale contro la formazione delle placche dell’arteriosclerosi e l’invecchiamento del cervello, antiossidante puro è un supporto utile contro il cancro; in più energizza e disintossica. Il fico d’India è un frutto che si può gustare sia d’estate che in autunno, è mediamente energetico e contiene un buon quantitativo di fruttosio. Ma anche di sali minerali, vitamine e molte fibre utili per ripulire il tratto intestinale. Infine la banana, un frutto piuttosto consumato, un evergreen costituito dal 75% di acqua, carboidrati, fibre e proteine. Ma principalmente sali minerali quali il potassio, che è il più presente, seguito da calcio, fosforo, rame e ferro. Ottima per la digestione, è un toccasana per i disturbi quali ulcera e acidità, ma soprattutto un vero energizzante per chi pratica sport.

2 novembre 2015
I vostri commenti
cla , martedì 3 novembre 2015 alle20:25 ha scritto: rispondi »

Le banane..non proprio un everGreen con tutti i pesticidi con cui vengono bombardate prima di arrivare qui da noi.. :-( meglio non mangiarne?

Lascia un commento