In arrivo dicembre, il mese legato al Natale, alle feste e alle ricette. Un compendio di piatti, prelibatezze da servire in tavola in concomitanza della stagione festiva, per celebrare l’evento con nuove combinazioni culinarie. Con un occhio al portafoglio e nel rispetto dell’ambiente, è possibile creare piatti sani, piacevoli, gustosi senza sprechi e costi esorbitanti. Che sia un momento di comunione o un periodo da passare in tranquillità, il rituale dell’apparecchiatura festiva non dovrà mancare. Possibilmente godendo dei cibi che la stagione può offrirci, fare la spesa sarà quindi un momento da dedicare al benessere.

Frutta e verdura per affrontare l’inverno nel modo giusto, per combattere malanni e spossatezza. Un kit d’emergenza per ricaricare subito le pile del nostro corpo, trasformando in forza gli elementi nutritivi. Ma anche una ghiotta occasione per preparare pietanze sane, golose e stuzzicanti da servire in tavola. Fare la spesa per il benessere del nostro corpo, della nostra mente e per il gusto della tavola. Immancabili quindi agrumi ricchi di vitamina C, ora al massimo della loro presenza e disponibilità, in tandem con la frutta secca da sgranocchiare sotto l’albero o durante il cenone di Capodanno.

Grande riconferma per la frutta di novembre come kiwi, pere, banane, le ultime castagne, cachi, banane, mele, pompelmo, ananas, corbezzolo e alchechengi. Come anticipato, grande attenzione per gli agrumi quali limone, sempre presente quasi tutto l’anno, quindi l’arancio molto diffuso nel periodo delle feste. Noto come citrus aurantium possiede un sapore leggermente acidulo, come i frutti della stessa categoria, matura a novembre ma si raccoglie fino a luglio. Del frutto si consuma tutto anche la buccia, per realizzare canditi oppure oli essenziali. Fonte importante di vitamine C e A, ma anche quelle del gruppo B come tiamina, tiboflavina e vitamina PP, ovvero la niacina. Contrasta i malanni di stagione, rinforza il sistema immunitario, irrobustisce denti e ossa, legamenti e sistema connettivo. Aiuta la circolazione sanguigna, l’assorbimento del ferro, antiossidante naturale contrasta la formazione di patologie gravi.

A dicembre possiamo trovare il mandarino dal sapore leggermente più dolce, ideale per chi fa sport perché fonte di acido ascorbico. Possiede molte varianti, ma ognuna è molto ricca di vitamine C, B, P, fibre, carotene, ferro, magnesio e acido folico. Ottimo per l’intestino e contro la ritenzione idrica, può anche ritardare l’invecchiamento cutaneo, dalla buccia si estrae un olio che calma l’ansia e combatte l’insonnia. Della stessa famiglia anche il mandarancio, da cui si può ricavare un’ottima marmellata: ricco di potassio, vitamina C, acqua e fibre, è un antiossidante importantissimo contro le patologie di natura metabolica o neoplastica.

Per concludere le noci, vero compendio quotidiano di benessere e salute, ricche di acidi grassi quali omega 3 e omega 6, molto attivi contro colesterolo e trigliceridi. Fortemente presente l’arginina utile contro l’arteriosclerosi, quindi minerali e vitamine del gruppo A, B, P ed E. Le noci vanno consumate con parsimonia all’interno di una dieta equilibrata, massimo 4 al giorno, ma sono un valido supporto contro le malattie cardiache, il colesterolo, prevengono il tumore al seno e alla prostata. Inoltre sono un carico energetico contro inappetenza e spossatezza, aiutano il cervello a rimanere giovane e attivo, sono di supporto per chi è colpito dal diabete, quindi di sostegno in una dieta vegetariano e vegan perché proteiche e antianemiche.

Per la verdura riconferma di stagione ancora per carote, bietola da costa, barbabietola, cipolle, finocchi, porro, sedano, lattuga, insalata riccia, patate, patate dolci, topinambur, aglio, cavoletti di Bruxelles, cavolfiore, rafano, broccoli, broccoletti, carciofi, funghi, tartufi, zucche, rape, sedano rapa, cime di rapa, spinaci, cardi e radicchio rosso tardivo. Protagonisti dell’inverno il cavolo rosso, il cavolo verza, il cavolo cappuccio e romano, tutti parte integrante della stessa famiglia e molto utili per la salute. Importanti nei regimi dietetici perché garantiscono un buon apporto energetico, contengono vitamina K, colina e antocianine per la memoria e le funzioni mentali. La vitamina C presente è un toccasana contro l’invecchiamento cutaneo, quindi di zolfo utile per depurare e disintossicare il corpo. Aiutano il sistema immunitario, regolano la pressione, contrastano i dolori alla testa quindi svolgono un’ottima funzione in qualità di antiossidanti naturale. I cavoli sono ricchi di vitamina A, vitamine B1, B2, B9 (acido folico) e PP. Del cavolo si può utilizzare tutto: dal succo, energizzante naturale, all’acqua di cottura che può regolare il processo intestinale e supportare in caso di postumi da eccessi alcolici.

1 dicembre 2014
I vostri commenti
giovanni, mercoledì 10 dicembre 2014 alle17:56 ha scritto: rispondi »

salve vorrei una lista dettagliata di tutto quello che si puo' mangiare e bere .. grazie

Lascia un commento