Dopo un inizio di stagione un po’ faticoso, e con una primavera che si fa desiderare, siamo pronti a preparare la cesta di paglia per le prime scampagnate. Nonostante la delusione di Pasquetta, si intravedono i primi raggi di tiepido sole. Un piccolo dono per la nostra voglia di tepore e relax. Anche il banco della frutta e della verdura sembra seguire questa necessità e si organizza per presentare nuove delizie.

>>Leggi i consigli per la spesa di marzo

Dal punto di vista delle temperature non abbiamo ancora abbandonato del tutto capitan inverno, ma il piatto in tavola si fa più ricco e colorato. I cibi diventano più leggeri, succosi e corposi. La frutta fresca affianca quella nutriente della precedente stagione, così come le primizie fanno capolino nella cesta della verdura.

Tra le novità possiamo annoverare le fave fresche, ricche di proteine, sali minerali, fibre, vitamina A, B1, B2, C e la vitamina E. Sono i legumi che contengono meno calorie e possiedono un amminoacido, la L-dopa, ottimo per aumentare il livello di dopamina cerebrale. Depurano l’organismo, tonificano e donano energia. Si possono consumare sia crude, garantendo un maggiore assorbimento del ferro grazie alla presenza della Vitamina C, che cotte in zuppe, minestroni o come contorno saltate in padella con la cipolla. È però bene prestare attenzione a eventuali casi di favismo o intolleranza.

>>Leggi la guida al fruttarianesimo

Ad aprile arrivano anche gli asparagi, dalla consistenza tenera e corposa, sono una carica di glucidi, protidi, fibre composte da cellulosa, pectine e lignina e vitamina A. Inoltre contengono quasi tutte le vitamine del gruppo B e sali minerali in abbondanza, come sodio, potassio, fosforo, magnesio, ferro, zinco, rame e iodio. Piccoli ma gustosi sono la risposta positiva per il cuore e la sua salute, ma anche per il benessere dei nostri muscoli. Ottimi per problemi legati all’apparato urinario e renale, possiedono un basso apporto calorico. Esistono diverse varietà e possono essere di colore bianco, verde o violaceo oppure selvatici. Sono ottimi nel risotto, nelle torte salate e come ingrediente base di frittate ricche e corpose.

Tra le conferme ricordiamo la barba di frate e i cipollotti, novità del mese precedente, quindi il broccolo, il cavolfiore, il cavolo cappuccio e verza, il carciofo, l’indivia, la catalogna, la carota, i cavolini di Bruxelles, i crauti, il radicchio rosso, il tarassaco (ottimo defaticante per il fegato), la rapa, la barbabietola, il porro, la valerianella e gli spinaci novelli. Fanno capolino i primissimi ravanelli, l’ortica ricca di Vitamina C e ferro da raccogliere indossando i guanti.

Per quanto riguarda la frutta riconfermati ancora i protagonisti del benessere, ricchi di vitamina C, come l’arancia, il limone, il kiwi e il pompelmo. Ancora ananas, mela, pera, avocado, frutta secca come noci, mandorle e nocciole. Quindi possiamo fare spazio alle primissime fragole, che iniziano ad affacciarsi alla fine del mese come anticipazione della prossima spesa e della stagione estiva.

Fonte: Buonissimo

3 aprile 2013
Lascia un commento