È nota come Fairy Dogmother e dal 1981 si prende cura dei cani randagi provenienti da territori e situazioni difficili, una scelta che si orienta specialmente verso Romania e Ungheria. La donna di 66 anni spartisce la sua casa di 5 stanze con 19 animali, l’abitazione inglese situata a Bolton nel Greater Manchester da più di 30 anni vede passare cani di ogni tipologia. Pat Senior, sposata e anche nonna, ha creato angoli di accoglienza per tutta l’abitazione. Alcuni dormono in garage su comode brandine, altri in salotto e tre soltanto sul letto principale. Il costo annuale per le spese veterinarie si aggira intorno alle 17.000 sterline, mentre per il cibo spende 240 sterline a settimana.

Molti i levrieri adottati in Inghilterra e all’estero, tutti vittime di sfruttamento e maltrattamento. In precedenza per casa si muovevano caoticamente circa 26 cani, poi scesi ai 19 esemplari attuali. Di sicuro il momento del pasto risulta essere quello più caotico, con un vorticare di energie e zampette. La spesa settimanale comprendere 40 piccoli polli per i cani di formato medio piccolo, quindi due confezioni grandi di pollo tritato e pasta per i cani di stazza più grande.

Le giornate della donna sono piene di impegni dal momento del risveglio, alle 6.30, fino alla cena serale che appare piuttosto vivace. Ma a fine pasto, quando ogni cane ha ricevuto il suo pasto, c’è anche il tempo per pulire tutto e uscire per una passeggiata. La storia di Pat Senior è singolare: dopo una carriera da cantante lasciata in sospeso, nel 1981 la donna era entrata in contatto con una volontaria che cercava un’abitazione per un randagio. Da quel momento molti gruppi animalisti si sono rivolti a lei perché ospitasse i levrieri vittime dello sfruttamento, spesso drogati per le corse e costretti a una vita di miseria. Ma con il tempo la sua casa ha aperto le porte a molti randagi provenienti anche dall’est, vittime di maltrattamenti estremi e inimmaginabili. L’associazione che trova sede nella sua abitazione, Angels With Furry Coats dog rescue, si prende cura di queste vittime della violenza umana con tutto l’amore possibile.

29 aprile 2015
Fonte:
Lascia un commento