Il servizio Bilancio del Senato non ha apprezzato la retroattività del provvedimento spalma incentivi, da settimane al centro delle polemiche per la decisione del governo di finanziare il taglio delle bollette elettriche delle PMI attraverso una rimodulazione degli incentivi al fotovoltaico.

Il decreto legge che contiene la misura spalma incentivi dovrà essere convertito dalle Camere entro il prossimo 23 agosto, ma ha incontrato i primi ostacoli già durante l’esame del servizio Bilancio del Senato. Sotto accusa, in particolare, c’è la retroattività del provvedimento, già ritenuta inaccettabile da diverse associazioni del settore, e che secondo il Bilancio porrebbe dar luogo a contenziosi di portata “cospicua”.

Si legge in particolare nel parere dei senatori:

Oltre ad evidenziare a latere la possibilità dell’insorgenza di un cospicuo contenzioso, si rappresenta che l’operazione implica in ogni caso una riduzione degli incassi delle società produttrici di energia con il fotovoltaico.

Problemi potrebbero derivare anche dai finanziamenti della CDP previsti per gli operatori che dovranno “ammortizzare” il taglio degli incentivi.

Scrive ancora il servizio Bilancio nella sua relazione:

Andrebbe valutato se l’intervento della CDP si configuri in maniera coerente rispetto all’attuale classificazione dell’ente nell’ambito del settore degli operatori finanziari.

Nessun problema, invece, per quanto riguarda il gettito fiscale legato agli impianti fotovoltaici. Secondo i senatori, il calo legato alla riduzione degli utili d’impresa per gli operatori interessati dallo spalma incentivi non dovrebbe essere troppo significativo.

Si legge infatti nella relazione:

Le corrispondenti riduzioni delle tariffe elettriche sono a vantaggio, ai sensi dell’articolo 23, di soggetti a loro volta esercenti attività d’impresa, i quali usufruiranno di un equivalente impatto positivo in termini di minori costi, con pari riflessi sugli utili d’impresa. Analoghi effetti di compensazione si registreranno in termini di gettito IVA.

14 luglio 2014
Lascia un commento