Gli estroversi sono meno green. È la conclusione a cui è giunto un recente studio condotto da un’équipe di ricercatori della University of Portsmouth. La ricerca, pubblicata sulla rivista Futures, ha analizzato la relazione tra la personalità dei consumatori britannici più anziani e la tendenza a effettuare scelte consapevoli e rispettose dell’ambiente.

Dall’analisi è emerso che chi ha un carattere più socievole e tanti interessi diversi spesso è troppo occupato per pensare alle conseguenze del suo stile di vita o all’impatto dei suoi consumi sull’ambiente. Le persone più green sono invece quelle con una mentalità aperta alle novità, curiose e intraprendenti.

Lo studio, effettuato su un campione di 204 persone over 50, ha fatto emergere altri dati interessanti sul rapporto tra la personalità e uno stile di vita sostenibile. I ricercatori hanno scoperto che generalmente gli anziani non sono molto propensi ad adottare abitudini ecofriendly, anche se spesso con l’avanzare dell’età si dimostrano via via più sensibili alle tematiche ambientali.

Secondo gli esperti i governi dovrebbero tenere conto di questi dati nella messa a punto di campagne di sensibilizzazione ambientale capaci di modificare anche i comportamenti della popolazione anziana, più restia ai cambiamenti. Spesso si tratta di persone che hanno sofferto le privazioni della guerra e che negli ultimi anni della loro vita si concentrano di più sugli affetti, trascurando pratiche quali risparmiare energia, riciclare e fare attenzione agli sprechi benché lo desiderino.

Sianne Gordon-Wilson e Pratik Mod, autori principali dello studio, ricordano che il governo britannico ha intenzione di raggiungere un obiettivo ambizioso nei prossimi decenni: ridurre le emissioni di gas serra dell’80% rispetto ai livelli registrati negli anni novanta. Un target che dovrà essere centrato entro il 2050, coinvolgendo attivamente la popolazione per limitare l’impronta ecologica dei consumi alimentari, energetici e dei trasporti.

Fattori come l’età della popolazione e la personalità, più o meno ricettiva alle tematiche ambientali, non devono essere trascurati perché possono fornire un valido aiuto alle autorità locali.

Senza contare che nei Paesi occidentali la popolazione è sempre più anziana ed è dunque fondamentale riuscire a sensibilizzare verso il rispetto dell’ambiente gli over 50.

11 giugno 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento