Un luogo magico e conturbante, il Vallone dei Mulini di Sorrento è una meta incredibile per chi ama le vacanze green e immerse nella natura. Nato da un violento terremoto, questo luogo deve il suo nome alla presenza di un vecchio mulino, abbandonato ai primi del ‘900, una segheria e un lavatoio pubblico. All’epoca però era molto stimato ed era il cuore della vita sorrentina.

Il Vallone dei Mulini è stato però lentamente abbandonato a partire dal 1860 quando l’acqua ha iniziato a riempire il fondo valle. Oggi questo luogo è uno dei più amati dai fotografi di tutto il mondo perchè domina la città di Sorrento e offre uno spettacolo naturale incredibile dovuto proprio alle antiche costruzioni incastonate nella montagna e raggiungibili tramite antiche rampe di tufo.

La natura si è ripresa gli spazi che un tempo erano dell’uomo e ha trasformato il Vallone dei Mulini in un luogo abbadonato ma ricco di fascino. Ammirandolo dall’altro sembra una gigantesca strada scavata nella montagna ed è uno dei cinque valloni che percorrevano tutta l’area di Sorrento e segnavano i confini tra i vari paesi.

Oggi il Vallone dei Mulini è praticamente chiuso, salvo poche vie d’accesso percorribili, e le condizioni atmosferiche qui sono talmente particolari e sempre umide che hanno permesso la nascita di un microclima a sé in cui la natura cresce rigogliosa e incontrastata.

Per chi decidesse di visitarlo è necessario sapere che Vallone dei Mulini è oggi di proprietà privata e non è raggiungibile completamente. Così, delle antiche vie che servivano per raggiungere il Vallone, oggi rimane solo un cancelletto tra Piazza Sant’Antonio e il porto, che purtroppo però non si può oltrepassare.

31 maggio 2017
Immagini:
Lascia un commento