La proverbiale e simpatica contrapposizione fra amanti dei cani e dei gatti si gioca anche su numeri e statistiche. E per i quadrupedi scodinzolanti è finalmente giunto il momento del sorpasso: per la prima volta, infatti, in quel di New York si registrano più cani che felini. Un fatto non così scontato, sebbene Fido nel mondo segni un primato abbastanza inarrivabile, poiché nelle grandi metropoli sono di solito i mici ad aver la meglio, dati gli spazi ridotti delle abitazioni nei contesti più urbanizzati.

A rivelare la nuova era dog-friendly della Grande Mela è un sondaggio, condotto dal Siena College e pubblicato lo scorso lunedì. In totale, il 30% degli abitanti di New York possiede un cane, contro il 20% raggiunto dai gatti. Non è però tutto: l’88% di chi decide di arricchire la propria esistenza con un animale, ammette di parlarvi come se si trattasse di un umano. Così spiega Don Levy, direttore del sondaggio.

Amiamo sicuramente i nostri animali domestici. Virtualmente, tutti i proprietari riferiscono di parlare ai propri animali come se fossero degli umani di tanto in tanto, con 6 su 10 pronti a farlo sempre.

Il sondaggio, che riguarda non solo New York City ma anche gli immediati sobborghi, svela anche alcune delle abitudini dei proprietari. Fra coloro che possiedono attualmente un amico a quattro zampe, o l’hanno accudito negli ultimi cinque anni, la spesa annua tra cibo, visite veterinarie e quant’altro si aggira attorno ai 500 dollari annuali. Vi è però un 34% degli intervistati molto più generoso rispetto alle esigenze di Fido e Fufi, poiché pronto a spendere cifre superiori ai 1.000 dollari. Meno frequenti, tuttavia, sono le ricorrenze e gli anniversari: solo il 23% festeggia il compleanno dell’animale domestico. Infine, tre quarti dei proprietari permette agli animali di salire e giocare sui mobili, mentre sei persone su 10 ammettono di coccolare e dormire regolarmente abbracciati al cane.

19 ottobre 2015
Fonte:
Lascia un commento