I capricci meteorologici non potranno di certo impedirvi di preparare ricette leggere, gustose e in linea con la stagione estiva. La spesa del periodo offre ceste ricolme di pesche dalla buccia soffice e vellutata, dalla polpa morbida succosa o dalla tempra soda e croccante. L’ideale per preparare macedonie, dolci, gelati ma principalmente un sorbetto fresco e gustoso per una nota delicata a fine pasto. Una ricetta facile, interamente vegetariana, per una cucina attenta ma al contempo saporita.

L’ideale per un dolce al cucchiaio senza troppi ingredienti, ma solo frutta gustosa di stagione, acqua e zucchero. Si può preparare con l’ausilio della gelatiera classica, oppure con il supporto di un contenitore di acciaio. Basterà un po’ di pazienza così da ottenere un sorbetto cremoso, soffice, fresco e delizioso. Importante acquistare frutta fresca, possibilmente in qualche farmer market di zona oppure da un produttore locale così da abbattere i costi, azzerando anche l’impatto ambientale. L’ideale per ottener un sorbetto sano, ecologico, vegetariano e a chilometro zero.

Ingredienti e preparazione

Pesche

Fresh peaches on wooden table via Shutterstock

Per preparare la ricetta del sorbetto alle pesche procuratevi:

  • 500 grammi di pesche dalla polpa morbida e matura;
  • 160 gr di zucchero di canna;
  • 200 ml di acqua.

Versate lo zucchero in un pentolino con l’acqua, quindi ponete il tutto su fiamma bassa e lasciate sciogliere, mescolando con delicatezza. Cuocete per circa 3 minuti, spegnete la fiamma e lasciate raffreddare. A parte lavate accuratamente le pesche, eliminate la buccia e versatele nel frullatore dopo averle tagliate a cubetti. Aggiungete lo zucchero sciolto quindi frullate a più riprese, fino a ottenere una crema omogenea e corposa. Con il supporto della gelatiera e del suo cestello freddo è possibile lavorare il sorbetto per circa 30 massimo 40 minuti. Il prodotto finito dovrà risultare sodo e cremoso, da servire in coppetta con guarnizione di menta e scaglie di cioccolato.

Alternative alla gelatiera

Gelatiera

Ice cream maker machine tool, can makes variety flavor, an image isolated in the kitchen interior via Shutterstock

In caso non si possedesse una gelatiera, mentre sciogliete lo zucchero riponete un contenitore di metallo nel surgelatore. Quando avrete frullato e incorporato il tutto, versate il composto nella ciotola di acciaio, quindi riponete tutto nuovamente nel surgelatore. Per impedire che il sorbetto si ghiacci mescolatelo ogni 30 minuti, eliminando la presenza di cristalli di ghiaccio, per poi riporlo nuovamente in refrigeratore. È importante ripetere l’operazione per un massimo di sei volte, così da evitare che il sorbetto surgeli e per mantenere inalterata la cremosità. L’assenza di latte e derivati rende il prodotto completamente vegan, con una morbidezza e una sofficità senza pari.

Ovviamente potrete servirlo nel modo che più vi rappresenta, magari con una guarnizione di pistacchi tostati e granella di noci. Oppure con una spolverata di cocco in polvere o ancora con un goccio di liquore. Possibile realizzare il sorbetto incorporando anche del succo di limone, oppure lime, per una nota acidula ma rinfrescante. Quindi sostituire lo zucchero con un dolcificante naturale come la stevia o malto naturale. Il sorbetto è un evergreen, completa i pasti e aiuta la digestione, quindi è possibile prepararlo sfruttando le primizie di stagione come melone, anguria e albicocche. Ma anche seguendo la stagionalità della frutta, impreziosendo il sapore all’occorrenza con un pizzico di zenzero fresco.

Riepilogo
Nome
Sorbetto alla Pesca
Pubblicata il
Tempo di Preparazione
Cottura
Tempo

28 luglio 2014
Immagini:
I vostri commenti
Viola Yael, giovedì 20 agosto 2015 alle15:13 ha scritto: rispondi »

Grazie Daniele per la segnalazione

Daniele, martedì 11 agosto 2015 alle16:21 ha scritto: rispondi »

È venuto fuori un succo di frutta freddo, le dosi sono sbagliate, l'acqua dev'essere almeno pari alla frutta (500ml) altrimenti non ghiaccerà mai. Proverò con 300gr di pesche e 300ml di acqua e 100gr di zucchero

Lascia un commento