Con gli attuali trend di crescita dell’elettronica di consumo, e in particolar modo di cellulari, smartphone e fotocamere digitali, inizia a sorgere il problema delle batterie: servono accumulatori sempre più potenti, economici e, soprattutto, ecologici da smaltire. Se poi non utilizzano metalli rari o costosi da estrarre come il litio, meglio ancora. Sony sta cercando una soluzione al problema batterie.

Tra le ipotesi allo studio c’è anche una “bio-batteria“, un accumulatore di carica totalmente ecologico e basato su materiali assolutamente naturali: carta e acqua. A questi due ingredienti base Sony aggiunge alcuni enzimi in grado di favorire una reazione chimica dalla quale si produce principalmente cellulosa, ma anche una carica elettrica.

Bassissima, al momento: la bio-batteria di Sony riesce ad alimentare solo una piccola ventola. Non stiamo parlando, quindi, di accumulatori che possano alimentare una pesante auto elettrica e nemmeno una leggera bici a pedalata assistita.

Per questo non si può ancora parlare di un vero e proprio progetto, ma solo di una sperimentazione. È in dubbio, però, che le grandi multinazionali del settore stanno cercando la batteria del futuro ed esperimenti come questo ne sono la conferma. Certo, la batteria di carta, acqua ed enzimi assomiglia molto alla famosa patata che produce energia gratis, ma è un punto di partenza per un problema che c’è già, anche se nessuno lo dice: smaltire le batterie è difficile e costoso, abbandonarle nell’ambiente è vietato perché inquinano moltissimo.

20 dicembre 2011
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Seamen2, martedì 12 giugno 2012 alle13:45 ha scritto: rispondi »

fate presto!

Lascia un commento