Puntuale come ogni anno il 21 giugno è il momento del solstizio d’estate, l’evento astronomico che dà il via ufficiale all’estate e che segna il momento in cui nell’emisfero settentrionale si ha il tempo massimo di durata del giorno. Quest’anno l’appuntamento è scattato alle 1.09 di questa notte, segnando il massimo di luce solare che durerà per 15 ore e 46 minuti, cioè dalle 5.32 in cui è sorto il Sole stamattina fino alle 21.18 in cui tramonterà stasera.

Dal punto di vista astronomico il solstizio d’estate corrisponde al periodo in cui il Sole culmina allo Zenith, cioè quando a mezzogiorno la nostra stella viene a trovarsi nel punto più alto del cielo rispetto all’orizzonte. È proprio in queste ore, infatti, che il Sole raggiunge il punto di declinazione massima nel suo moto apparente lungo l’eclittica e ciò avviene per effetto dell’inclinazione dell’asse di rotazione terrestre.

L’avvio dell’estate astronomica non coincide però con la partenza dell’estate meteorologica, cioè la definizione che identifica “la bella stagione” in rapporto alle temperature medie segnate in questo periodo. Nell’emisfero Boreale l’estate così intesa corrisponde solitamente al periodo compreso tra i mesi di giugno, luglio e agosto, con un picco termico individuato tra la metà di luglio e l’inizio di agosto.

In realtà, a causa delle masse d’aria calda provenienti dal Nord Africa, il clima estivo è assai più mutevole e imprevedibile rispetto a quanto stabilito dalle convenzioni e prova di questi giorni è Scipione, l’anticiclone africano proveniente dal Sahara che sta investendo in questi giorni tutta l’Europa centrale. Con sé porta temperature roventi ben oltre le medie del periodo soprattutto nel Sud Italia, dove in molte zone si toccherà proprio oggi pomeriggio il picco con temperature che potrebbero arrivare oltre i 38 gradi, arrivando ad estremi fino a 40 gradi in Puglia e in Sicilia.

21 giugno 2012
Lascia un commento