La produzione di energia tramite impianti fotovoltaici è sicuramente una delle risorse per l’elettricità verde, soprattutto a livello domestico. Ma anche la grande industria e il terziario si stanno adeguando alle nuove necessità ambientali, per un futuro energetico che sia sempre più privo dei combustibili fossili inquinanti e, ovviamente, anche del rischioso nucleare. Per questo motivo, da qualche tempo negli Stati Uniti viene stilata la classifica delle “società più solari” del luogo e, per questo 2012, lo scettro va incredibilmente a Walmart.

Walmart, per chi non lo sapesse, è la gigantesca catena di grandi magazzini a stelle e strisce, una sorta di icona della cultura americana e del consumismo. Negli anni il gruppo è stato al centro di numerose polemiche per via di scelte di marketing non sempre condivise e, non ultimo, anche per delle policy non pienamente amiche dall’ambiente. Critiche che devono aver smosso le acque, perché il colosso del commercio è diventato ben presto il gruppo con più pannelli solari installati nelle proprie strutture.

Secondo i dati riportati da Solar Energy Industries Association, Walmart gode di una potenza fotovoltaica installata di 65.000 kW, un dato impressionante se si considera come la seconda classificata – Costco – raggiunga “solo” i 38.000. Una cifra che è destinata ad aumentare, visto che la catena si è impegnata a trasformare in solari ben 1.000 proprie location entro il 2020, così come riporta BusinessWeek.

Di seguito la classifica completa, dove figurano dei gruppi ben conosciuti anche in Europa, come il leader dell’arredamento Ikea o la catena di giochi per l’infanzia Toys “R” Us:

  1. Walmart, 65.000 kW;
  2. Costco, 38900 kW;
  3. Kohls, 36474 kW;
  4. Ikea, 21495 kW;
  5. Macy’s, 16163 kW;
  6. McGraw Hill, 14113 kW;
  7. Johnson and Johnson, 11619 kW;
  8. Staples, 10776 kW;
  9. Campbell’s Soup, 9900 kW;
  10. Wallgreen, 8163 kW;
  11. Bed Bath And Beyond, 7543 kW;
  12. Toys “R” Us, 5676 kW;
  13. General Motors, 5630 kW;
  14. FedEx, 4889 kW;
  15. White Rose Foods, 4888 kW;
  16. Dow Jones & Company, 4100 kW;
  17. Snyder’s, 3500 kW;
  18. Pro Logis, 3499 kW;
  19. Hartz Mountains Industries, 3438 kW;
  20. Crayola, 3356 kW.

, BusinessWeek

16 settembre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
cosimo, lunedì 17 settembre 2012 alle9:06 ha scritto: rispondi »

se si coprissero tutti i tetti commerciali e industriali degli Stati Uniti veramente questo paese sarebbe un gigante del fotovoltaico e senza i problemi delle nuove linee di trasmissione dato che la quasi totalita' della produzione andrebbe in autoconsumo... speriamo bene

Lascia un commento