Solar Impulse, l’aereo unicamente alimentato da energia solare, ha finalmente inaugurato i suoi voli coast-to-coast. Nella giornata di ieri, il velivolo è partito da San Francisco per atterrare a New York, con un breve scalo a Phoenix. Si tratta di un aeromobile davvero speciale, perché per sollevarsi in volo non ha bisogno di una sola goccia di carburante.

>>Scopri le origini di Solar Impulse

Il volo, partito alle 6 del mattino del fuso locale, ha visto il pilota Bertrand Piccard alla guida dell’aereo. La pista di partenza prescelta è stata quella NASA di Moffett Field, nei pressi di Mountain View: da qui il velivolo si è diretto verso Phoenix orientandosi a sud-est.

Il Solar Impulse, di origine svizzera, è capace di volare per 36 ore consecutive senza sfruttare alcun tipo di carburante, solo l’energia prodotta dal sole. Un’autonomia più che sufficiente per completare un viaggio cost-to-cost negli Stati Uniti. Pur essendo monoposto, l’estensione delle sue ali lo rendono praticamente pari a un Boing 747, anche se pesa all’incirca quanto un’utilitaria. Le sue ali sono ricoperte da 12.000 celle solari, studiate per caricare e fornire energia alle sue speciali batterie al litio da circa 400 chilogrammi. Queste batterie, quando a carica completa, permettono al mezzo di librarsi in volo anche in piena notte, garantendone la potenza necessaria per almeno 12 ore.

Al momento, i viaggi del Solar Impulse avverranno tutti di prima o mattina o in tarda notte, per evitare di incrociare il normale traffico aereo o turbolenze troppo violente. Queste le dichiarazioni del pilota:

Sono andato a letto molto presto, alle 9 ero già a letto. […] È un modo favoloso, credo, per promuovere le tecnologie pulite, per mostrare al mondo cosa potremmo fare se applicassimo ovunque queste tecniche. Dobbiamo capire che le tecnologie che abbiamo a bordo, se usate globalmente – anche a terra – potrebbero dividere in due il consumo energetico del mondo, con una metà fornita interamente da fonti rinnovabili.

>>Leggi del primo viaggio intercontinentale di Solar Impulse

Un limite della tecnologia solare, però, è la lentezza del volo. Per attraversare gli Stati Uniti da costa a costa, infatti, saranno necessarie ben 20 ore di volo, praticamente l’equivalente di un normale viaggio intercontinentale. Ma non è di certo la velocità quella che Solar Impulse ricerca dal suo esperimento:

La nostra priorità non è la velocità. La nostra priorità è la durata, riuscire a volare tanto a lungo quanto desideriamo solamente con energia solare. Quello che cerchiamo è una nuova pieta miliare della storia dell’aviazione, in modo che attragga l’interesse del mondo politico e dei media per dimostrare come le fonti rinnovabili e la tecnologia pulita possano portare al raggiungimento di cose credute impossibili.

4 maggio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento