Il giro del mondo del Solar Impulse 2 dopo una sosta forzata di 9 mesi è pronto a ripartire. L’aereo solare progettato dai piloti svizzeri Bertrand Piccard e André Borschberg era stato costretto a interrompere la singolare impresa a luglio del 2015, a causa dei gravi danni subiti dalle batterie nel corso della tappa dall’aeroporto di Nagoya in Giappone all’aeroporto di Honolulu, capitale delle Hawaii.

Un volo ininterrotto di 5 giorni e 5 notti su una rotta di 8.900 km alimentato al 100% con l’energia solare fornita dalle 17.248 celle fotovoltaiche al silicio che ricoprono la superficie del velivolo. Lo stop forzato non ha scoraggiato il team del Solar Impulse, che ha approfittato di questa sosta obbligata per migliorare la tecnologia, testando sistemi di raffreddamento più efficienti.

Il team ha rimpiazzato le batterie optando per la stessa tecnologia, ritenuta soddisfacente dagli ingegneri. Il surriscaldamento avvenuto l’estate scorsa secondo i tecnici è imputabile a un semplice errore di valutazione. Piccard e Borschberg si sono detti pronti a riprendere il giro del mondo in aereo solare con ancora più entusiasmo e determinazione:

Nel corso della nostra avventura con il Solar Impulse abbiamo sperimentato più volte che gli ostacoli spesso si trasformano in opportunità di miglioramento. Questa pausa ci è servita per aumentare la motivazione del nostro team perché spesso occorre più tempo a creare lo spirito giusto che a sviluppare nuove tecnologie.

La prossima tappa del giro del mondo inizierà non appena le condizioni meteo saranno favorevoli. Il team ha già effettuato diversi voli di prova per testare le migliorie apportate al velivolo. Il Solar Impulse 2 dovrebbe decollare dalle Hawaii alla volta del Nord America, pilotato da Bertrand Piccard. Il team non ha ancora comunicato la destinazione della tappa. Il Solar Impulse 2 potrebbe atterrare a Phoenix, nell’area di San Francisco, a Los Angeles o a Vancouver.

Il viaggio proseguirà alla volta di New York. Le tappe successive porteranno l’aereo solare verso l’Europa o il Nord-Africa, prima di concludere il giro del mondo ad Abu Dhabi, dove l’avventura ha avuto inizio il 2 marzo del 2015. Piccard ha voluto ricordare l’obiettivo principale del progetto:

Vogliamo dimostrare che oggi le tecnologie pulite possono vincere sfide un tempo ritenute impossibili. Il nostro obiettivo è incoraggiare il mondo intero a usare soluzioni energetiche efficienti nella vita quotidiana: dalla mobilità all’edilizia; dal riscaldamento all’illuminazione.

18 aprile 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento