Snellire le gambe velocemente è uno dei desideri primari quando si cerca di tornare in forma. Quando il fattore tempo diventa di particolare importanza il dedicarsi agli esercizi giusti si rivela quindi molto importante.

Alcuni esercizi più di altri sono in grado di favorire il dimagrimento delle gambe, snellendole senza appesantirle troppo con un’eccessiva massa muscolare. Qualsiasi tipo di attività deve però in ogni caso essere abbinata a una dieta sana e in grado sia di riequilibrare l’organismo che di ridurre eventuali gonfiori legati alla ritenzione idrica.

Bere molto può aiutare a depurare l’organismo, attenzione però a scegliere un’acqua povera di sodio, così da stimolare la diuresi e diminuire la ritenzione idrica. Prima di alcuni consigli sull’alimentazione vediamo quali esercizi possono consentire di snellire le gambe in maniera rapida.

Esercizi da fare

Alcuni degli esercizi migliori per ottenere in fretta gambe snelle sono tra i più conosciuti e praticati anche in palestra: lo squat, gli affondi e la cyclette. A questi si aggiungono poi altri esercizi come ad esempio la corsa sul posto. Sempre valida resta anche una classica corsa, meglio se in un parco cittadino, della durata di almeno 30 minuti.

Come svolgere gli esercizi:

  • Squat: I piegamenti verticali o squat prevedono una posizione di partenza in piedi, con gambe distese e braccia lungo i fianchi. Aiutandosi con i muscoli addominali si tiene ben dritta la schiena mentre si scende con il bacino, piegando le ginocchia e allo stesso tempo sollevando fino a raggiungere il petto le braccia. Tornare poi alla posizione di partenza e ripetere il movimento. Queste ultime resteranno distese anche durante l’esercizio, che dovrà essere ripetuto tra le dieci e le venti volte;
  • Affondi frontali: La posizione di partenza è anche in questo caso in piedi, con le gambe divaricate fino a far corrispondere i piedi con le anche. La gamba sinistra viene portata in avanti affondando il passo fino a disegnare un angolo retto con il ginocchio. La gamba destra resterà invece ferma e distesa. Trascorsi un paio di secondi si torna alla posizione di partenza e si completa l’esercizio con l’altra gamba. Ogni ciclo completo va ripetuto per dieci volte;
  • Affondi laterali: Sempre in piedi si procede con gli affondi estendendo in questo caso la gamba sul lato, raggiungendo con il ginocchio una posizione simile a quella vista con gli affondi frontali. L’importante è più che mai tenere la schiena dritta, aiutandosi in questo con la muscolatura addominale. Da ripetere anche qui per dieci volte;
  • Corsa sul posto: Questo è un esercizio molto utile per stimolare l’attività aerobica e migliorare quindi il lavoro anche degli altri esercizi. Da intervallare con 30 secondi di corsa calciata dietro e altrettanti di “jumping jack” (posizione di partenza simile agli affondi, ma esercizio che si sviluppa con un saltello verticale leggero che termina con braccia e gambe divaricate, per poi tornare con un secondo saltello alla posizione di partenza). La corsa sul posto deve essere a buon ritmo per stimolare il ritmo cardiaco e favorire il consumo energetico oltre al lavoro aerobico, facendo attenzione di portare le ginocchia al petto mentre viene svolto;
  • Corsa calciata dietro: Esercizio simile a quello relativo alla corsa sul posto con ginocchia al petto, ad eccezione del fatto che i talloni andranno a toccare il sedere durante la corsa e le ginocchia resteranno verso il basso.

Discorso a parte merita invece la cyclette, che a differenza degli altri esercizi non può essere praticata a corpo libero. Può tuttavia essere acquistata per l’utilizzo domestico o utilizzata in palestra. L’aspetto più importante di cui tenere conto riguarda l’intensità dello sforzo, che deve essere bilanciato onde evitare di aumentare in maniera eccessiva la massa muscolare.

Alimentazione e rimedi naturali

I due punti forti dell’alimentazione utile a snellire le gambe sono senz’altro frutta e verdura. In grado di fornire con un ridotto apporto calorico le vitamine e i sali minerali necessari allo svolgimento degli esercizi, questi alimenti forniscono inoltre una buona scorta di energie.

Attenzione però a limitare l’utilizzo di sale e bere molto, scegliendo come detto un’acqua povera di sodio. A questo proposito è possibile integrare il proprio “rifornimento” di liquidi scegliendo alcuni efficaci rimedi naturali.

Tra questi troviamo soprattutto alcuni infusi, dei quali segnaliamo in particolare quelli di sambuco, malva e tarassaco.

11 luglio 2014
Lascia un commento