Il piatto al centro dell’attenzione anche per celiaci e vegani. Questa la novità annunciata da SnapFood, il social network dedicato al mangiare bene e di qualità che capovolge la ricerca: non si dovrà più cercare un ristorante in cui si spera venga cucinata bene la propria pietanza preferita, ma si partirà proprio da quella; con un’attenzione anche agli ingredienti, così che scelte alimentari e intolleranze trovino il giusto compromesso a tavola.

=> Scopri i menu vegani per pic-nic all’aria aperta

Sono oltre 1000 i piatti senza glutine già segnalati all’interno del network SnapFood, che alla classica ricerca per piatti aggiunge ora quella più specifica per ingredienti. Possibile ricercare ad esempio pietanze “gluten-free”, “green” (vegetariane o vegane) e “piccanti”. Più in generale trovano posto oltre 90 mila ricette e più di 35 mila ristoratori.

=> Leggi quali sono le alternative senza glutine al cous cous

La comunità di utenti fornisce inoltre valutazioni personali riguardo la propria soddisfazione, contribuendo così sia a garantire l’effettiva corrispondenza di quanto richiesto con i propri desideri e a stilare una classifica con i migliori ristoranti. Come ha sottolineato Alessio Ripanti, fondatore di SnapFood:

Per le persone che soffrono di allergie o intolleranze è importante poter fare affidamento su una community di persone che hanno lo stesso problema e che danno consigli su dove trovare piatti di qualità. Secondo le ultime stime 1 persona su 100 sarebbe intollerante al glutine.

Con i nuovi filtri di ricerca di SnapFood vogliamo offrire uno strumento che aiuta a trovare il buon cibo considerando le esigenze individuali. Per ora abbiamo circa 10.000 piatti glutenfree nel database, ma sono certo che presto il numero aumenterà notevolmente, grazie all’aiuto della community.

SnapFood punta sul fatto di cercare il piatto, non il ristorante. Se si vuole vedere un film, non si leggono le recensioni del cinema ma del film. Le recensioni su SnapFood sono tutte autentiche, perché per caricare le foto è necessario essere stati nel posto a cui si vuole dare il proprio apprezzamento e il 90% degli utenti accede con il proprio profilo Facebook o Google.

24 maggio 2017
Lascia un commento