Smog oltre i limiti a Milano, Lombardia a rischio infrazione UE

Lo smog a Milano resta uno dei problemi principali. L’introduzione del’Area C ha prodotto risultati in termini di qualità dell’aria, ma sembra non aver arginato completamente il fenomeno degli sforamenti delle polveri sottili. Dall’inizio del 2012 si è arrivati alla cifra record di 57 giorni su 83 sopra i limiti di PM10, il rischio ora è una procedura di infrazione dell’Unione Europea nei confronti della Lombardia e della metropoli milanese.

Smog che l’introduzione dell’Area C sembra aver solo in parte risolto: risultano diminuite le tipologie di polveri sottili più dannose per la salute, ma il volume nel complesso è costantemente sopra la norma. Un problema che il periodo estivo finirà inevitabilmente per aggravare per via della diminuzione delle precipitazioni, utili a disperdere le PM10.

Al centro della polemica sull’inquinamento dell’aria milanese finisce nuovamente l’Area C, giudicata dall’opposizione di centro destra un provvedimento inutile ai fini della risoluzione del problema. Critico l’ex vice sindaco pdl Riccardo De Corato nei confronti del provvedimento varato dalla Giunta di Giuliano Pisapia:

A Palazzo Marino continuano a combattere una battaglia contro il mezzo privato che viene costantemente persa, visto che quasi tutti i giorni si supera il limite per il Pm10.


La replica da parte dell’amministrazione comunale non si fa attendere e punta sui valori di PM10 registrati nelle ultime rilevazioni:

La riduzione delle emissioni da traffico in Area C, nei primi due mesi del 2012, è del 27 per cento per il Pm10 allo scarico e da attrito.

Discussioni sull’Area C a parte, il dato certo al momento è relativo ai costanti sforamenti che le polveri sottili fanno registrare nelle centraline di controllo dell’aria a Milano. Le condizioni atmosferiche solitamente aiutano nei mesi invernali a tenere sotto controllo il fenomeno, che richiederà a questo punto ulteriori iniziative al fine di arginare il prevedibile innalzamento estivo delle PM10.

26 marzo 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento