Smartphone e tablet: mai prima dei 2 anni, l’appello dei pediatri

Mai consentire ai bambini con meno di 2 anni di utilizzare smartphone e tablet. Questo è l’appello diffuso dai pediatri durante il 74 esimo Congresso italiano di pediatria e che prende spunto dallo studio pubblicato sulla rivista scientifica “Italian Journal of Pediatrics”.

=> Leggi i consigli dei pediatri su smartphone e tablet per i bambini

L’utilizzo di smartphone e tablet da parte dei più piccoli è in crescente diffusione, lamentano i pediatri, a causa dell’atteggiamento troppo permissivo dei genitori. Secondo quanto riportato il 30% di loro permetterebbe ai propri figli di utilizzare tali apparecchi già a un anno, allo scopo di “calmarli” o di “tenerli buoni”. Il restante 70% direbbe di sì ai dispositivi elettronici già dal secondo anno. Un grave errore secondo quanto dichiarato da Alberto Villani, presidente Società italiana di pediatria:

Nessuna criminalizzazione delle tecnologie digitali, ma come pediatri che hanno a cuore la salute psicofisica dei bambini non possiamo trascurare i rischi documentati di un’esposizione precoce e prolungata a smartphone e tablet. Numerose sono le evidenze scientifiche sulle interazioni con lo sviluppo neuro-cognitivo, il sonno, la vista, l’udito, le funzioni metaboliche, le relazioni genitori-figli.

Un comportamento, quello messo in atto dai genitori, che impedirebbe loro di rappresentare un buon esempio per i figli. A sostenerlo Elena Bozzola, segretaria nazionale della Società italiana di pediatria, ribadendo che le coppie dovrebbero ricorrere a “modi alternativi per intrattenerli e calmarli” e non al ricorso indiscriminato a smartphone e tablet.

14 giugno 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento